Alcune persone si chiedono se mangiare uova a colazione faccia bene o male alle salute: una domanda a cui cercheremo di dare risposta in questo articolo

Mangiare uova a colazione fanno bene o male
Uova a colazione

Non è tra le usanze tipiche italiane, ma in altri Paesi europei e del mondo si ha l’abitudine di mangiare uova a colazione. Una scelta che alcuni non condividono e che soprattutto desta perplessità. C’è chi poi va addirittura oltre e si chiede se mangiare uova a colazione faccia bene o male. In generale, va sottolineato, il consumo di questo importante alimento non fa male e non è e essere limitato. Si tratta infatti di uno dei cibi più completi. Al suo interno possiamo trovare molte proteine utili al nostro organismo oltre che una moltitudine di vitamine e minerali. Le uova contengono ferro, fosforo, potassio e calcio, acido folico e riboflavina e non solo. Le vitamine in esse contenute sono le A, B1, B6, B12 e D, PP.

LEGGI ANCHE —> Allarme salmonella: diversi casi in Francia. Uova in commercio sotto accusa

LEGGI ANCHE —> Uova, mangiarne 2-3 al giorno fa molto bene alla salute

Mangiare uova a colazione, i motivi per cui può essere una buona abitudine

Mangiare uova a colazione fanno bene o male
Uova a colazione

Quanto al loro consumo ad inizio giornata, anche in questo caso questo alimento è promosso a pieni voti. Risultano difatti un cibo dall’alta digeribilità e ricco di qualità per affrontare al meglio il giorno che abbiamo davanti. Si deve inoltre tranquillizzare chi ancora teme che un consumo elevato di uova corrisponda a un aumento del colesterolo. Stiamo parlando di ipotesi superate, smentite da vari studi scientifici. Questi hanno escluso in maniera netta la possibile correlazione tra di loro. In questo alimento è infatti presente solo un 5% di colesterolo, tra l’altro associato alle lecitine che sono sostanze anti colesterolo. Infine per quanto riguarda i grassi, è vero che le uova ne contengono molti. Va evidenziato però che si tratta di grassi di ottima qualità. Si tratta infatti di trigliceridi, pari al 30% del totale.