Telefono cellulare e tumore al cervello: la conferma dalla sentenza della Corte di Appello di Torino

Telefono cellulare

Telefono cellulare: la sentenza della Corte d’Appello di Torino conferma la sentenza di primo grado. Quella che nel 2017 stabiliva le correlazioni tra utilizzo del telefono e possibilità di ammalarsi di tumore al cervello. La sentenza del 2017 era stata pronunciata dal Tribunale di Ivrea nella causa che vedeva in primo piano il dipendente Telecom che dopo anni di lavoro era stato colpito da neurinoma del nervo acustico.

Un caso che fece scalpore. Con la sentenza già in primo grado che diede regione al lavoratore. Altre indagini comunque e approfondimenti avvalorano la sentenza di secondo grado. Il cellulare può aumentare le percentuali di contrarre un tumore al cervello, soprattutto quando si sta a telefono per parecchie ore al giorno.

Telefonini sotto accusa, dunque. Ma non di sicuro da oggi. Sono anni che si denunciano le correlazioni tra telefono e sviluppo della malattia. Ma non sempre gli accorgimenti suggeriti vengono messi in atto dagli utenti.

–> Leggi anche Maria Mazza: la dottoressa di “Avanti un altro” è esplosiva su Instagram

La sentenza conferma quello che medici e studiosi dicono da anni. Uso degli auricolari fondamentali

Telefono cellulare

Non è una notizia di oggi quella del telefono cellulare che porta danni alla salute. Lo si sapeva da anni, ma mai seriamente le persone se ne rendono conto. Ci sarebbero una serie di accorgimenti utili da seguire per ridurre i rischi. Il primo di tutti è quello di parlare il meno possibile con il cellulare appoggiato all’orecchio.

Quello è il rischio principale che si corre. Sono accorgimenti utili quello di usare il viva voce o gli auricolari. Soprattutto quando si guida. Proprio dalla macchina i danni alla salute sarebbero addirittura maggiori per la salute. Perchè le radiazioni sarebbero amplificate, e quindi da ridurre al massimo questo utilizzo.

Poi altro suggerimento è quello di tenere il telefono lontano o spento quando si dorme. Già nell’arco della giornata siamo costretti a subire le radiazione che vengono emanate, almeno di notte è consigliabile un distacco totale. Per godersi il sonno senza ulteriori danni che possono arrivare dal cellulare.

Assolutamente sbagliato metterlo sotto il cuscino. Abitudine da cancellare immediatamente perché rischiosa.

–> Leggi anche Meningite: c’è il quinto caso! Oltre 24mila le vaccinazioni in Lombardi