Tinte capelli: sono cancerogene? Uno studio del chirurgo Kefah Mokbel confermerebbe il rischio di tumore al seno

Tinte capelli

Le tinte ai capelli sono cancerogene? Una domanda che spesso è tornata alla ribalta ponendo la possibilità di alcuni rischi nella popolazione femminile. Che usano molto questo rimedio per combattere alcuni segni degli anni che avanzano. Magari nascondendo qualche capello bianco. Ma anche tra le più giovani sempre più utilizzata semplicemente per un cambio look che va di moda sempre.

Ma che rischi ci sono per chi ha questa abitudine per esigenza o per passione? Ad oggi non ci sono tantissime tesi che potrebbero far pendere per una o l’altra via, sta di fatto che un autorevole parere di un esperto c’è. E si è sbilanciato. Si tratta del chirurgo della mammella Kefah Mokbel che nel 2017 con un suo tweet lanciò il primo allarme sulle possibili connessioni che ci potrebbero stare tra utilizzo di tinture e tumori.

–> Leggi anche Belen Rodriguez mostra i tatuaggi su IG: la foto scatena i fan del web

Per Mokbel c’è connessione tra utilizzo tinture e tumori al seno. Per lui non se ne dovrebbero troppe all’anno

Tinte capelli

Per Mokbel la correlazione tra utilizzo tinture per i capelli e possibilità di comparsa di tumore al seno esiste. E per questo motivo è lui stesso a consigliare di farne un massimo di sei all’anno. Perchè secondo lui un utilizzo maggiore porterebbe seri rischi per chi le fa.

Quello che si dovrebbe maggiormente evitare è il costante utilizzo delle tinture che non devono essere mai mensili. Chi lo fa infatti corre il 19% in più dei rischi di ammalarsi di tumore al seno.

Dal momento della denuncia del professore, nel 2018, le tinture nel tempo sono migliorate anche nelle componenti facendo pensare ad un abbassamento dei rischi per chi le fa. Ma purtroppo altri studi successivi a quelli di Mokbel hanno confermato, anche se in percentuali inferiori (7%) il rischio di tumori al seno.

Quindi a questo punto la soluzione migliore sarebbe quella di ridurle al minimo o eliminarle definitivamente. Cosa abbastanza impossibile considerando la popolazione femminile e il ricorso alle tinture. Con la speranza che negli anni possano sempre più migliorare e impattare il meno possibile sulla salute.

–> Leggi anche Carlotta Mantovani: la moglie di Fabrizio Frizzi torna felice sui social