Meningite in Lombardia , corre ai ripari dopo i casi in pochi giorni nella regione: “Vaccino gratis ai compagni delle ragazze colpite”

Meningite

Meningite, giorni abbastanza complicati in Lombardia. Soprattutto nelle province di Bergamo e Brescia dove vi sono stati i due casi di meningite che stanno facendo crescere una paura per la popolazione. Tante le misure di precauzione da parte degli organi preposti, dai vaccini che si possono fare alle procedure di profilassi antibiotiche che per precauzione si fanno.

Non è di sicuro allarmismo ma due casi a poca distanza l’uno dall’altro fanno accendere una piccola fiammella che fa tenere l’attenzione più alta di quella normale. In questi casi oltre al rispetto delle procedure e della scrupolosità si deve provvedere anche a tranquillizzare le persone. Perchè come tutti hanno confermato si tratta di casi isolati. E la malattia non si trasmette se si è a contatto con la vittima per poche ore.

–> Leggi anche Diletta Leotta fa scatenare i suoi fan mentre si allena in palestra. VIDEO

La Regione Lombardia ha messo a disposizione vaccini gratuiti per i compagni delle due ragazze

Meningite

La Regione Lombardia in  queste ore sta mettendo a punto tutte le operazioni per far si che non si non corra nessun tipo di rischio. E a tal proposito è stato comunicato che per tutti i compagni di scuola delle due ragazze colpite da meningite saranno messi a disposizione dei vaccini gratuiti. Un’iniziativa resasi necessaria, appunto, dopo che nelle scuole e nell’università si era palesato qualche perplessità e paura tra i compagni a contatto con le due ragazze. Perplessità appunto dovute al contatto con le ragazze che si teme possa causare dei contagi.

L’Assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera ha dichiarato che ci saranno queste “Misure per 400 persone coinvolte in procedure di profilassi e saranno messi a disposizione dei vaccini per i compagni delle due ragazze. In entrambi i casi – continua l’assessore al welfare della Regione Lombardia – si tratta di menginococco di tipo C. Ma ancora non si possono stabilire delle correlazioni. Per fare ciò bisogna che sia identificato il genoma del batterio. Tutte le analisi sono in corso e si attenderanno le risposte per poter fare il bilancio definitivo” conclude Gallera.