La verità scomoda di Zanda (Pd) che nessuno vuole sentire

Luigi Zanda è un parlamentare della Repubblica Italiana da tanti anni, non è un politico improvvisato. E’ stato al centro di numero vicende politiche e di governo.

Tutte le persone che sono in carriera, che sia professionale o lavoro generico, vogliono un aumento di stipendio o guadagnare di più per il proprio lavoro.

Il deputato Zanda e la sua proposta di aumentare gli stipendi dei parlamentari non sono un colpo di testa oppure una leggerezza da parte del parlamentare del Pd neo tesoriere del partito.

Leggi anche questo articolo : Saldo e stralcio, questo è il momento di fare la pace con l’agenzia delle entrate

Tanto sono state le accuse del neo-tesoriere, ed anche il Partito ha preso inizialmente le distanze.

Zanda, ai microfoni di Repubblica ha messo in chiaro il pensiero del Partito:

Lo Stato ha il dovere di sostenere la politica, altrimenti la politica si piega agli interessi di parte”.

Tutti vogliono un aumento di stipendio anche i parlamentari anche Zanda

Il ragionamento di Zanda è abbastanza chiaro e ha un fondamento di verità: in questi anni gli stipendi dei parlamentari italiani hanno subito una drastica decurtazione rispetto a quelli dei colleghi europei e di quelli di molte regioni italiane

Certo non si può condividere che i Parlamentari non arrivino a fine mese, rispetto ad altre professioni. Ma il ragionamento appare chiaro e senza ipocrisia.

L’uscita dell’aumento degli stipendi equiparati a quelli dei colleghi dei parlamentari Europei, del neo-tesoriere Zanda non è proprio strategicamente positivo in vista delle prossime Elezioni Europee.

Certamente la politica è un lavoro nobile e non deve essere sotto ricatto o sotto l’egemonia di nessuno.

Hai trovato utile questo articolo ? Leggi anche questo : Intervento per anziani e non autosufficienti pubblicato il bando dall’INPS