Lavarsi i denti, ecco perché spesso non si fa nel modo giusto

I denti sono un cruccio di molti e la formazione di placca è un problema che si riesce a contrastare solo con l’uso corretto dello spazzolino

Lavarsi i denti, ecco perché spesso non si fa nel modo giusto- curiosauro.it- 16022022
Lavarsi i denti, ecco perché spesso non si fa nel modo giusto- curiosauro.it

Anche in questo caso l’alimentazione e la genetica giocano un ruolo cruciale. Il colore dei denti e la formazione di placca dipendono da diversi fattori, tra cui una buona alimentazione (che esclude sostanze zuccherine e pigmentanti dello smalto dentario), la genetica e una corretta igiene dentale. Sembrerebbe un dato di fatto: non tutti sanno lavarsi i denti! Vediamo come usare correttamente lo spazzolino…

Bisognerebbe lavare i denti almeno tre volte al giorno per un paio di minuti

Lavarsi i denti, ecco perché spesso non si fa nel modo giusto- curiosauro.it- 16022022
Lavarsi i denti, ecco perché spesso non si fa nel modo giusto- curiosauro.it

Lavarsi i denti è una pratica da acquisire sin da piccoli. Bisognerebbe lavare i denti almeno tre volte al giorno, dopo i pasti principali: colazione, pranzo e cena. Meglio sarebbe usare lo spazzolino ogni volta che c’è la possibilità, dopo aver mangiato qualcosa (soprattutto sostanze macchianti come il caffè, thè o cioccolato). Per ovviare – soprattutto durante scuola e lavoro – è possibile affidarsi alle gomme da masticare allo xilitolo, ma senza esagerare. Ad ogni modo bisognerebbe dedicare all’atto della pulizia orale almeno due minuto ogni volta, 30 secondi per ogni semi-arcata. L’uso dello spazzolino elettrico facilita altamente il compito…

I danni della placca e le malattie gengivali, la prevenzione parte da bambini

Lavarsi i denti, ecco perché spesso non si fa nel modo giusto- curiosauro.it- 16022022
Lavarsi i denti, ecco perché spesso non si fa nel modo giusto- curiosauro.it

La placca è la patina trasparente di batteri che si forma sui denti tra un pasto e l’altro. Questo biofilm batterico è altamente dannoso e può compromettere non solo il colore dello smalto – ingiallendo o ingrigendo i denti -, bensì causare gengiviti che potrebbero portare a patologie più gravi come parodontite (indebolimento delle strutture che sostengono i denti fino alla caduta degli stessi).

LEGGI ANCHE > Magnesio, perché è così importante per il nostro organismo

Una corrette igiene dentale parte sin da piccoli, onde evitare malattie gengivali e carie. Infatti gli adulti devono insegnare ai più piccoli come lavare correttamente i denti. La prima cosa da fare è stabilire una vera  e propria routine di igiene attraverso momenti specifici della giornata. L’obiettivo è quello di rendere autonomi sin dalla tenera età. I genitori possono aiutarsi con uno specchio in modo da far avere al bambino una visuale maggiore. Di ausilio anche video e libri educativi e giochi.

LEGGI ANCHE > Acido folico, perché è fondamentale per il nostro organismo

Il lavaggio non deve durare meno di 2 minuti, per questo è possibile usare un timer. Lo spazzolino – regola valida per grandi e piccoli -va usato sempre dal basso verso l’alto senza tralasciare il retro dei denti. La quantità di dentifricio non deve essere esagerata (come da pubblicità). L’eccesso di quest’ultimo non deve essere subito sciacquato via, meglio se si attende qualche secondo. Inoltre, l’uso di collutorio e filo interdentale può considerevolmente migliorare l’igiene. Infine è consigliato prediligere uno spazzolino elettrico – soprattutto durante trattamenti ortodontici – in combinazione con l’idropulsore. Da non dimenticare i controlli dal dentista e sedute con l’igienista dentale, in caso di necessità sempre sotto consiglio medico.

Previous articleLa vera spada nella roccia si trova nella cappella di San Galgano
Next articleL’Homo sapiens arrivò in Eurasia passando per il mare