Una centrifuga sottovuoto per lanciare veicoli nello Spazio…

Per ora siamo abituati a vedere lanci spaziali basati sulla combustione di propellenti, le reazioni nucleari e la propulsione chimica. Da domani, tuttavia, tutto potrebbe cambiare. Arriva la centrifuga sottovuoto!

Una start-up specializzata nel lancio spaziale statunitense, la SpinLaunch, ha presentato un nuovo sistema per superare la classica propulsione attraverso la combustione di propellenti. Il processo di lancio è basato sulle leggi basilari della cinetica. Si cerca cioè di sfruttare al massimo il potere della forza centrifuga. E un giorno molto vicino questo nuovo sistema potrebbe essere usato lanciare in orbita piccoli veicoli o satelliti spaziali.

Il concetto di lancio promosso da SpinLaunch

Centrifuga sottovuoto (screen) - curiosauro.it
Centrifuga sottovuoto (screen) – curiosauro.it

Abbiamo a che fare con una centrifuga sottovuoto che fa girare un proiettile, non alimentato. A che velocità? Si supera di molto la velocità del suono. In questo modo il veicolo viene scagliato nell’atmosfera superiore e infine in orbita.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Un progetto teorico di razzo all’acqua salata ci potrebbe far arrivare nel sistema di Alfa Centauri 

Tramite questo semplicissimo meccanismo, l’azienda, che ha sede a Long Beach, in California, spera di soppiantare i razzi tradizionali. I veicoli oggetto dello studio sono quelli preposti a mandare carichi utili nello Spazio.

Il volo di prova si è svolto a Spaceport America nel New Mexico il ventidue ottobre. E l’esperimento è andato benissimo. I risultati del test, quindi, sono assai incoraggianti.

Come funziona la centrifuga per il lancio

Lancio in centrifuga sottovuoto - curiosauro.it
Lancio in centrifuga sottovuoto – curiosauro.it

 

Il sistema utilizza una camera a vuoto al cui interno lavora un braccio rotante col compito di condurre un proiettile a velocità parecchio elevata, senza alcun problema per la resistenza. Dopo essere stato “centrifugato”, il razzo viene scagliato nell’atmosfera in meno di un millisecondo.

Tutta l’infrastruttura (quando il braccio è teso verso l’alto) è più alta della Statua della libertà. Sfioriamo i cento metri.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Anche Blue Origin avrà la sua stazione spaziale orbitante intorno alla Terra 

Per garantire equilibrio, un contrappeso gira nella direzione opposta. Questo per evitare che tutto il sistema si sbilanci. La tenuta sottovuoto rimane in posizione fino a quando il razzo non attraversa una membrana sensibile posta nella parte superiore del tubo da cui poi esplode il proiettile. E così il lancio è pronto.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>>Batterie ai nano-diamanti che durano ventottomila anni? | Sicure per l’ambiente e quasi indistruttibili

La nuova tecnologia potrebbe risolvere molti problemi di sostenibilità ambientale ed economica. Ora bisogna soltanto testare il più possibile il meccanismo e raffinarlo, per renderlo funzionale e affidabile al 100%.

Jonathan Yaney, CEO dell’azienda californiana, crede che il suo progetto sia molto di più di una semplice catapulta: sente che tutti i carichi spaziali futuri potranno essere lanciati a ventottomila chilometri all’ora nello Spazio dal suo ultimo prototipo.

Previous articleBatterie ai nano-diamanti che durano ventottomila anni? | Sicure per l’ambiente e quasi indistruttibili
Next articleEstratti inediti del film Pulp Fiction diventeranno NFT