Magnetoterapia: funziona davvero? Scienziati in disaccordo

La magnetoterapia si basa sull’idea che l’applicazione statica o intermittente di campi magnetici possa esprinere effetti benefici o curativi sulle cellule del corpo umano. Per esempio effetti antidolorifici, calcificanti e antinfiammatori. E molti medici sembrano tenere in alto credito questa tecnologia clinica. Ma siamo di fronte a una pratica davvero efficace?

Da un punto di vista scientifico la natura degli effetti della magnetoterapia non è ancora stata chiarita del tutto. Ciò significa che non abbiamo dati rilevanti sull’efficacia degli interventi clinici basati su questa tecnica.

Magnetoterapia - www.curiosauro.it
Una tecnica efficace o una perdita di tempo e denaro? (Getty) – www.curiosauro.it

Ci sono prove dei benefici apportati dalla magnetoterapia?

Dicevamo che non non esistono molte prove scientifiche a sostegno della funzionalità medica delle terapie con magneti o con elettromagneti. I sostenitori di questa tecnica creano invece che essa abbia effetti benefici sulle funzioni nervose, sulle ossa, sulla crescita cellulare, sul flusso sanguigno o sul dolore. L’idea sembra contemporanea ma non lo è affatto. Già nel Rinascimento il medico e alchimista Paracelso sperimentò i magneti per curare varie malattie, fra cui la diarrea, il dolore cronico, l’epilessia e le emorragie.

Fra le varie forme di magnetoterapia la più promettente sembra essere la magnetoterapia a bassa frequenza. Una tecnica che consiste nell’applicare tramite un solenoide attraversato da una corrente elettrica pulsante un campo elettromagnetico. Si pensa che queste frequenze possano dar vita a una sorta di micromassaggio interno a ogni cellula in modo da facilitare l’eliminazione di tossine e rifiuti metabolici. Gli ortopedici la usano per curare fratture, distorsioni, artriti e artrosi. Neurologi la consigliano per curare la cefalea. E alcuni urologi sostengono che sia utile per combattere la prostatite.

Una tecnica pseudoscientifica?

Magnetoterapia - www.curiosauro.it
Funziona oppure no? Per la scienza ci sono pochi dubbi… (Pixabay) – www.curiosauro.it

Dato che non abbiamo ricerche scientifiche valide a sostegno dei magneti usati in medicina, dobbiamo considerare queste tecniche come dei placebo. Resta da capire perché così tanti medici continuino a consigliare ai pazienti trattamenti con i magneti e gli elettromagneti. Probabilmente sono vittime di pressioni da parte dei produttori degli apparecchi dedicati a questa tecnica. Oppure si sono lasciati suggestionare da una moda. Una moda vagamente new-age, potremmo dire.

Negli ultimi tempi va per la maggiore la magnetoterapia ad alta frequenza, nota anche come magnetoterapia a radio frequenza. Una tecnica che si basa sull’emissione di onde radio di frequenze comprese tra i 18 e i 900 MHz in brevi impulsi. E si crede che tali onde radio avrebbero la capacità di migliorare la risposta immunitaria delle singole cellule. Inutile dire che anche queste onde non hanno alcun effetto scientificamente provato.

Previous articleTutto quello che devi fare se vuoi tornare a correre dopo una distorsione
Next articleSi fa davvero con le patate? La vera origine di un alcolico famoso nel mondo