Il salto con gli sci è tutta una questione di fisica!

Non c’entra la bravura e nemmeno la concentrazione unita alla tecnica, saltare con gli sci è solo una questione di fisica! Gli atleti, infatti, devono contrastare la forza di gravità e la resistenza dell’aria, e per atterrare il più lontano possibile devono fare… i calcoli giusti!

Il salto con gli sci è tutta una questione di fisica – curiosauro.it

Questione di… fisica

I tre concetti di fisica basilari da tenere presenti per poter spiccare il volo sugli sci sono: la gravità, il sollevamento da terra e la resistenza. Per riuscire nel loro intento, gli atleti devono sfruttare l’aerodinamica per cercare di ridurre al minimo la resistenza e massimizzare la spinta dal basso verso l’alto data dall’aria. In questo modo si riesce in parte a compensare la forza di gravità per planare il più lontano possibile.

L’obiettivo è quello di posizionare il corpo mentre si salta nel miglior modo possibile, per contrastare tutte le forze di resistenza che riporterebbero l’atleta verso terra. Il problema principale, infatti, è dato proprio dalla forza di gravità che riporta tutto e tutti verso il basso, e che deve essere mitigata per poter far spiccare il volo in questo sport.

Il salto con gli sci è tutta una questione di fisica – curiosauro.it

La gravità in fisica

Ma come si può riuscire a compensare la gravità? La fisica ci parla di una forza contraria in grado di spingere le cose (in questo caso l’atleta) verso l’alto, e l’unica può essere il sollevamento. Se la forza prodotta dal sollevamento è simile a quella prodotta dalla gravità, un oggetto riesce a planare o volare. Per generare una forza di sollevamento, un oggetto deve muoversi e la sua superficie deve scontrarsi con le particelle d’aria. 

Secondo il terzo principio della dinamica di Newton, a ogni azione corrisponde una reazione opposta e uguale, quando le particelle vengono spinte verso il basso, l’atleta viene spinto verso l’alto. Molto importante è anche valutare l’angolo di incidenza di un oggetto (nel nostro caso di un umano n.d.r.) che è quello con cui questo va a fendere l’aria. Per essere perfetto, l’angolo non dovrà essere troppo parallelo al suolo, altrimenti non riceverà alcuna spinta, e non dovrà pendere verso il basso perché altrimenti precipiterà velocemente a terra.

Potrebbe interessarti >>> Gli spazioporti presenti sul nostro pianeta e non solo: quanti sono? A cosa servono?

Il movimento giusto

Gli atleti per spiccare il volo devono quindi creare l’angolo perfetto, che generi una forza di sollevamento in grado di contrastare la gravità. Per ottenerlo, mantengono il corpo e gli sci in una posizione a V rimanendo paralleli al suolo. Questa posizione aumenta l’area della superficie da spingere verso l’altro, creando l’angolo di incidenza migliore per ridurre la resistenza e massimizzare il sollevamento. Oltre alla fisica, ci sono altri fattori che influenzano il volo di uno sciatore. Tra questi troviamo:

Potrebbe interessarti >>> Rocchetta Mattei e l’elettromeopatia!

  1. Il vento.
  2. La scelta dell’abbigliamento e dell’attrezzatura (di solito una tuta aderente che non vada ad influire sulla forza di sollevamento).
  3. Il peso e l’altezza dell’atleta.
  4. La lunghezza massima degli sci (che varia in base all’altezza dello sciatore e alla sua massa corporea).
Il salto con gli sci è tutta una questione di fisica – curiosauro.it
Previous articleHarry Potter| Alan Rickman e quel “sempre” legato a Severus Piton
Next articleAllergia stagionale ed è subito maledetta primavera, i rimedi utili