La borsa a sacco della spazzatura virale sui social: il prezzo è da capogiro

Un’altra provocazione arriva dall’haute couture diventando subito virale sui social. Parliamo di una borsa dalla forma di sacco della spazzatura che ha un costo esorbitante. Lo stilista l’ha creata anche per sensibilizzare le persone su quello che sta succedendo nel mondo attualmente. Ci sarà riuscito?

Arriva la borsa fatta come il sacco della spazzatura e i social impazziscono. Per gli amanti della moda la novità è una di quelle ghiotte, una vera e propria provocazione per sensibilizzare l’opinione pubblica su problemi reali. Scopriamo di cosa si tratta.

La borsa a sacco di Balenciaga
La borsa a sacco di Balenciaga – foto rete (Curiosauro.it)

Stiamo parlando della borsa trash pouch di Balenciaga che è diventata virale sui social in pochissimo tempo. Lo stilista, Demna Gvasalia ideatore della provocazione, racconta di una storia più profonda dietro la sua scelta, legata al dramma della guerra nel mondo. Anche lui l’ha vissuta sulla sua pelle, quando ancora era un bambino, costretto a scappare con la sua famiglia dalla Georgia, mettendo tutte le sue cose proprio dentro a delle borse della spazzatura. Le modelle che avanzano in passerella trascinandosi pesanti sacchi neri sono quindi un riferimento al dramma dei profughi, costretti a fuggire raccogliendo la propria vita in una busta di plastica.

La borsa della spazzatura va di moda

La nuova borsa di Balenciaga è una vera e propria provocazione: una busta della spazzatura dal prezzo sconvolgente. Costa infatti poco più di 1.700 euro, un cifra che per molti è scandalosa. Per chi l’ha prodotta, invece, è un successo annunciato! La trash pouch, infatti, è salita alla ribalta solo negli ultimi giorni, ma in realtà era già stata presentata lo scorso marzo durante la settimana della moda a Parigi.

La borsa a sacco di Balenciaga, Demna Gvasalia lo stilista
Demna Gvasalia lo stilista di Balenciaga – foto Getty

È stata Kim Kardashian a postare per prima la foto della borsa, anticipandone il successo. L’uscita nei negozi è prevista per l’autunno e sarà disponibile in tre colori diversi: nero, bianco e azzurro. Costa così tanto perché è fatta in pelle, ricoperta da un finish lucido per simulare proprio il colore dei sacchi dell’immondizia. Nel percorso stilistico di Demna Gvasalia, designer di Balenciaga, non è la prima volta che compaiono creazioni sovversive: famosa è anche la borsa azzurra dell‘Ikea (in versione griffata) o il sacchetto della spesa bianco apparso in passerella con il nome Shopping Monday. Lo stilista ama provocare, e il suo obiettivo stavolta era  quello di creare la busta della spazzatura più costosa al mondo. Crediamo tutti che abbia raggiunto il suo scopo!

Previous articleSesso dopo il matrimonio i dati sono sconvolgenti: “È del tutto controproducente…”
Next articleChi sono i VIP che non fanno sesso: i matrimoni bianchi, ecco spiegato il perché