Attento in che lenzuola dormi: rischi gravi malattie e infezioni terribili, come la gonorrea e la meningite

Quando si va in vacanza, bisogna adattarsi. Anche se la struttura in cui siamo accolti si presenta pulita e curata, non possiamo sapere se le lenzuola sono fresche di bucato. E così ci esponiamo a infezioni e aggressioni batteriche davvero serie. Anche a casa nostra, però, dobbiamo stare molto attenti. Gli esperti affermano che è possibile contrarre la gonorrea e la meningite!

C’è chi cambia le lenzuola anche due o più volte a settimana, e chi invece le lascia sul letto per più di un mese. In questo modo ci si espone a dei brutti malanni. Qualche esempio? La polmonite. Oppure la gonorrea e la sindrome di Lemierre.

Lenzuola www.curiosauro.it
Quanto è sporco il tuo letto? Fidati, è peggio di quel che immagini… (Twenty20) – www.curiosauro.it

In che lenzuola dormi? Fai attenzione, perché rischi tanto (polmonite, gonorrea e meningite)

Specie d’estate, le lenzuola si riempiono subito di batteri, virus, microbi e funghi. Ma un sacco di persone non ci pensa. In molti preferiscono continuare a cambiare la biancheria del letto a scadenze fisse. Per esempio, ogni due settimane oppure ogni mese. Ma una nuova ricerca ha dimostrato che le lenzuola sporche sono l’ambiente ideale per lo sviluppo e la diffusione di virus e batteri. Spesso pericolosissimi. Come il virus della polmonite, il batterio della gonorrea (Neisseria gonorrhoeae) e quelli della meningite (meningococco, pneumococco, eccetera).

Per capire cosa succede in un letto che non viene cambiato per più di un mese, dei ricercatori hanno invitato un volontario a dormire nelle stesse lenzuola per un mese intero. Poi hanno analizzato tramite tampone vari punti del letto alla fine di ogni settimana. Il centro di sviluppo biologico dell’Università di Siviglia ha analizzato questi tampone. E a fine ricerca ha inviato una bella lista con tutti gli ospiti sgraditi presenti sulla stoffa.

Tra i batteri scoperti in laboratorio c’erano i naisseria, cioè i patogeni responsabili della gonorrea, i provetella, lo streptococcus pneumoniae, gli e-coli, i fusobacteriales, noti per causare infezioni alla gola che portano alla sindrome di Lemierre, e così via…

Ecco in che ambiente dormi

Batteri - www.curiosauro.it
Nei nostri letti proliferano batteri e funghi. La maggior parte di questi microrganismi sono prodotti dalle persone stesse tramite il sudore, il muco, la bava, gli starnuti o le secrezioni urinarie (Pixabay) – www.curiosauro.it

E da dove arrivano tutti questi batteri? I ricercatori immaginano provengano soprattutto dalla nostra pelle, dalla bocca e dalle feci. Eppure nel mondo, secondo un recente sondaggio, più del venti percento della popolazione cambia le lenzuola solo una volta al mese.

I risultati della ricerca confermano anche altri particolari inquietanti. Secondo i biologi inglese hanno ragione altri ricercatori, quelli della North Carolina State University, che l’anno scorso pubblicarono uno studio shock in cui si diceva che i nostri letti presentano più batteri e funghi rispetto alle tane degli scimpanzé! Fra federe e lenzuola, poi, secondo alcuni analisti, lo sporco è più tenace e pericoloso di quello del gabinetto. Il bagno lo sciacquiamo con lo scarico… Ma le lenzuola no.

Previous articleIl caldo ci ammoscia, soprattutto a letto? Vediamo se è vero e come porvi rimedio
Next articleIl batterio carnivoro mortale che ci aspetta sui distributori di sapone nei bagni dei locali e degli autogrill