Amici… per il naso | Scegliamo gli amici che puzzano come noi

L’amicizia è una questione di odore. A quanto pare scegliamo i nostri amici tra le persone che puzzano (o profumano, si spera) come noi. La scoperta arriva da dei ricercatori israeliani…

Degli scienziati hanno dimostrato che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori probabilità di stringere un legame di amicizia.

Amicizia www.curiosauro.it
Gli amici si riconoscono dall’odore… (Pxhere) – www.curiosauro.it

Perché scegliamo come amici le persone che puzzano o profumano come noi?

Ci sono gli amici per la pelle e gli amici per l’odore della pelle. Già sapevamo che l’odore ha un forte potere nella scelta del partner sessuale, ma ignoravamo che anche l’amicizia potesse avere a che fare con decisioni olfattive.

Tuttavua pare proprio che le persone che hanno un odore (buono o cattivo non fa differenza) simile hanno più elevate probabilità di diventare amici. Lo afferma un nuovo studio israeliano sulla chimica sociale. Gli animali, e i mammiferi in particolare, si annusano a vicenda per capire se ci sarà compatibilità “caratteriale”. A un cane basta annusare la pipì di un altro cane per capire se gli è simpatico (amico) od odioso (rivale). Ma nessuno aveva mai studiato questo tipo di capacità olfattiva nell’uomo… L’odore corporeo, però, ha valenza sociale anche negli esseri umani.

Puzze e profumi… odori simili implicano compatibilità 

Amici www.curiosauro.it
L’amicizia è una questione viscerale: scegliamo chi ci piace se il suo odore ci è familiare (Pixabay) – www.curiosauro.it

La ricerca ci spiega che alla base della scelta di amici che puzzano o profumano come noi c’è la genetica. In pratica preferiamo di stare accanto a persone il cui odore ci è familiare per “difendere” i nostri geni. Entra in gioco un meccanismo evolutivo inconscio. Di fatti, gli animali riconoscono malattie e difetti genetici dall’odore…

Per giungere a questa tesi i ricercatori israeliani hanno condotto dei complicati esperimenti. Inizialmente hanno utilizzato un naso elettronico per analizzare l’odore corporeo di venti gruppi di amici “non romantici” (cioè non legati da relazioni amorose) che avevano subito stretto un buon rapporto dal loro primo incontro. I singoli gruppi erano composti da persone dello stesso sesso. Questo perché maschi e femmine hanno un odore distinto, che come abbiamo detto gioca un ruolo determinante anche nell’attrazione sessuale. Poi hanno diviso le coppie per associare le persone con odori simili. E hanno scoperto che il settanta percento delle volte gli amici hanno odori molto simili.

Nel caso sessuale, invece, scegliamo persone con un odore diverso dal nostro, per incrociare i nostri geni con geni che reputiamo differenti. In questo modo cerchiamo di offrire alla prole un patrimonio genetico più vario e quindi sano.

Dunque è vero che l’odore corporeo riflette la composizione genetica? Sembra proprio di sì, sia nella ricerca del partner sessuale che dell’amico del cuore. Probabilmente in questo modo cerchiamo nell’amico un alleato. Qualcuno che ci sia vicino per “natura”.

Previous articleLa candela che odora di mutandine da donna: l’odore del sesso in vendita
Next articleCervello: forse non lo sai, ma è possibile mantenerlo giovane con questi sei alimenti