TOMMI, l’anestesia che diventa un “gioco per ragazzi”

TOMMI, il “gioco” dell’anestesia per alleviare i fastidi nei più piccolini

L’anestesia costituisce un momento fondamentale per alcuni interventi medici come esami o operazioni. Si tratta sostanzialmente di eliminare la sensibilità dolorifica. Ciò permette di vivere, senza percepire dolore, interventi invasivi. E se tutto ciò diventasse un gioco?

TOMMI, l'anestesia che diventa un "gioco per ragazzi"- curiosauro.it- 070522
TOMMI, l’anestesia che diventa un “gioco per ragazzi”- curiosauro.it

Al Buzzi di Milano una tecnica rivoluzionaria 

Esami ed interventi chirurgici possono destabilizzare e compromettere, oltre il fisico, l’umore. Il senso di paura verso l’ignoto e il terrore per il dolore durante e post operazioni mediche è un pensiero fisso soprattutto per i più piccini. Proprio i bambini si trovano ad affrontare spesso situazioni “più grandi di loro”. Ma una tecnica innovativa sperimentata al Buzzi di Milano permetterebbe di distrarre i bambini attraverso la Realtà Virtuale.

TOMMI, anestesia che usa il gioco per alleviare il dolore

TOMMI, l'anestesia che diventa un "gioco per ragazzi"- curiosauro.it- 070522
TOMMI, l’anestesia che diventa un “gioco per ragazzi”- curiosauro.it

Softcare è la startup che ha sviluppato TOMMI, la soluzione digitale utilizzata in ambito pediatrico per ridurre ansia e stress nei più piccoli. Infatti il momento dell’anestesia, attraverso TOMMI, si tramuta in un gioco, grazie ai benefici della Realtà Virtuale. Si tratta di una full immersion sensoriale capace di distrarre i più piccoli e rendere il lavoro dei medici più agevoli. La vera rivoluzione però sta nella riduzione della somministrazione dei farmaci. TOMMI è pronto, oltre il Buzzi di Milano, a raggiungere nuove “mete” per migliorare la vita degli ospedalizzati pediatrici.

Previous articleNon li incontreremo mai, gli astronomi ne sono convinti
Next articleIl Portogallo l’ha scoperta ed è bellissima