Archeologia | Gran Bretagna, scoperto un cerchio di megaliti

Una nuova scoperta archeologica per la Gran Bretagna. Un cerchio di megaliti nuovo rinvenuto nei pressi del famoso sito archeologico di Stonehenge. Anche “queste nuove pietre” avrebbero avuto in passato un significato sacro. Si tratta di un cerchio di megaliti edificati circa 4.500 anni fa. Un ritrovamento che fa pensare all’epoca del Tardo Neolitico. 

Il team dello Stonehenge Hidden Landscapes Project (SHLP) aveva inizialmente scambiato questo “monumento sacro” per stagni di rugiada. Solo successivamente c’è stata una fase di rivalutazione da parte degli esperti.

Infatti sono state rilevate caratteristiche simili agli scavi nord dell’henge di Durrington Walls.

Archeologia| Gran Bretagna, scoperto un cerchio di megaliti- curiosauro.it- 15032022
Archeologia| Gran Bretagna, scoperto un cerchio di megaliti- curiosauro.it

Enormi fosse circolari sacre in Gran Bretagna 

Archeologia| Gran Bretagna, scoperto un cerchio di megaliti- curiosauro.it- 15032022
Archeologia| Gran Bretagna, scoperto un cerchio di megaliti- curiosauro.it

La ricerca è stata pubblicata su Internet Archeology. Un ritrovamento strabiliante. Definito come la più grande struttura di monoliti mai rinvenuta in Gran Bretagna. Questo sito di fosse circolari ha un diametro superficiale di 20 m o più e una profondità di almeno 5 m. Il sito si trova a Durrington e sembrerebbe avere per gli esperti un significato cosmologico.

LEGGI ANCHE > Essere asociale, curiosità e profilo psicologico

Un anello grande e di significato cosmologico percorribile per 2 km

Archeologia| Gran Bretagna, scoperto un cerchio di megaliti- curiosauro.it- 15032022
Archeologia| Gran Bretagna, scoperto un cerchio di megaliti- curiosauro.it

Si tratta di un anello di megaliti percorribile per ben 2km a Durrington Walls. Questa scoperta fomenta il fascino degli antichi abitanti di questi luoghi della Gran Bretagna immersi nel verde, alla stregua di Stonehenge.

LEGGI ANCHE > Vaccino anti-infarto | Inizio alla sperimentazione

Si trattava sicuramente di contadini. Essi avevano di sicuro ben in mente un qualche sistema di calcolo, seppur ancora rudimentale. Questa scoperta è stata possibile grazie alle innovative tecniche messe in campo dall’archeologia contemporanea. Ovviamente i ricercatori non hanno intenzione di fermarsi, visto che il luogo, dapprima sottovalutato, ha permesso tale sensazionale ritrovamento.

Previous articleArcheologia, in Gran Bretagna rinvenuti 5 antichissimi mammut
Next articleAsteroide Dimorphos: sforzi della NASA per deviarlo