Mummie di bambini, vittime di sacrifici rituali, ritrovate in Perù

Alcuni ricercatori dell’Universidad Nacional Mayor de San Marcos hanno scoperto in Perù, a Cajamarquilla, delle antichissime mummie di bambini. Probabilmente si tratta di vittime sacrificali, ossia infanti immolati per un rito collegato a un funerale. Il macabro ritrovamento spinge i ricercatori a credere che i bambini siano stati uccisi per onorare la dipartita di un nobile guerriero.

Gli scavi condotti dagli archeologi Pieter Van Dalen e Yomira Huamán (Universidad Nacional Mayor de San Marcos) – curiosauro.it

Le sei mummie di bambini scoperte in Perù

Sono sei i bambini mummificati, che si pensa siano stati sacrificati centinaia di anni fa, apparentemente per accompagnare nell’aldilà un nobile locale. I corpicini mummificati sono stati portati alla luce in una tomba vicino a Lima, in Perù. Per la precisione ci troviamo a Cajamarquilla, a venticinque chilometri dalla Capitale peruviana. I piccoli scheletri erano avvolti stretti in un panno. Tutti i resti erano deposti nella tomba di un uomo adulto, con buona probabilità un nobile, un guerriero o un governatore. Gli archeologi avevano trovato questa tomba già nel novembre del 2021, ma le mummie dei bambini sono state riconosciute solo a un secondo esame.

Cajamarquilla era una città costruita su un terreno paludoso (e quindi edificata con mattoni di fango essiccato) intorno al 200 a.C.. A quell’epoca il Perù era dominato da popolazioni pre-inca, di cui sappiamo pochissimo. Sotto gli Inca, Cajamarquilla divenne un centro importante. Poi, si spopolò con l’arrivo degli spagnoli.

Huari e Chimú: i misteriosi popoli che abitarono il Perù prima degli Inca

La mummia dell’uomo trovata a novembre (Universidad Nacional Mayor de San Marcos) – curiosauro.it

Secondo gli antropologi e gli archeologi le mummie dovrebbero risalire a circa mille anni fa. Quindi sono databili nell’epoca dei Huari, il primo popolo che diede vita a un’impero sulle Ande, oppure dei Chimú. I bambini potrebbero essere parenti stretti del defunto. Erano collocati uno sopra l’altro o, per meglio dire, nascosti e ammucchiati in diverse parti dell’ingresso della tomba del nobile. Forse erano suoi schiavi, o figli di sue concubine.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> La madre più giovane del mondo: Lina Medina, che partorì a 5 anni

Anche l’adulto era mummificato, ma con maggiore accortezza rispetto al trattamento di bendaggio ricevuto dai bambini. Il nobile, all’apparenza un ventenne, giace sepolto con le mani che coprivano il viso e ben legato con una corda.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Droni svelano gli ultimi segreti di Machu Picchu

Dunque, come spesso capitava in epoca precolombiana in queste zone, dei sacerdoti potrebbero aver sacrificato questi bambini per accompagnare la mummia negli inferi. I Huari erano solito tributare molti onori alle mummie. Le avvolgevano in coperte di lana o cotone riccamente decorate, e colorate di rosso o di bordeaux. I Chimú, invece, sono famosi per i loro sacrifici rituali. In passato alcuni archeologi trovarono presso Lima una fossa con almeno cento bambini e duecento lama sacrificati durante una cerimonia religiosa. Queste vittime sono però più recenti: risalgono a cinquecentocinquanta anni fa. Anche gli Inca praticarono spesso e volentieri l’omicidio rituale, ma secondo diverse cerimonie e finalità. Molti popoli del Sud America fondavano i loro riti sul sacrificio umano.

Previous articleSIDS | La sindrome della morte in culla: una patologia mortale inspiegabile
Next articleAgrivoltaico | Produzione di energia senza fare male all’ambiente