Sarà l’habitat perfetto per gli astronauti | presentata la nuova stazione orbitante

Le agenzie internazionali stanno studiando nuove soluzioni per creare l’habitat perfetto per gli astronauti in viaggio per raggiungere la Luna o Marte, in vista delle prossime missioni spaziali. La Lockheed Martin ha lavorato a lungo al progetto di una Deep Space Gateway, ovvero di una stazione orbitante tra la Terra e la Luna… Scopriamo di cosa si tratta.

La nuova stazione orbitante cislunare (captured) – curiosauro.it

Una nuova stazione orbitante cislunare, posta a metà strada fra Terra e Luna: un habitat ideale per gli astronauti in partenza per le basi lunari

La nuova stazione orbitante sarà posta in un’orbita molto vicina alla Luna, per offrire agli astronauti un habitat di decompressione e di appoggio in vista dei viaggi che li impegneranno intorno o sul satellite. La zona in questione si chiama cislunare, e si tratta una regione dello Spazio in equilibrio gravitazionale tra la Terra e la Luna.

L’idea è quella di creare in un piccolo spazio una struttura di lavoro e alloggio in cui astronauti e ricercatori possano sostare settimane o mesi, durante le lunghe missioni in programma nei prossimi anni.

La Lockheed Martin è appunto una compagnia privata coinvolta nel programma NextSTEP della NASA, che cerca soluzioni innovative e sostenibili per le prossime missioni spaziali. E qualche tempo fa l’azienda ha presentato al mondo il suo progetto per dar vita a una Deep Space Gateway, ovvero a una piccola stazione spaziale cislunare, su cui potrebbe attaccarsi la capsula spaziale Orion.

Il design del progetto

Illustrazione del progetto (captured) – curiosauro.it
Questa stazione dovrebbe misurare nella sua unità centrale sette metri in lunghezza e quattro e mezzo in larghezza. Il modulo è pensato per ospitare gli astronauti per periodi di trenta giorni, circa.
Secondo alcuni commentatori il design del modulo pressurizzato presentato dalla Lockheed Martin si ispira molto a quello del Multi Purpose Logistic Module Donatello. Un progetto realizzato anni fa dall’Agenzia spaziale italiana per la ISS e fornito alla NASA al tempo degli Shuttle, ma mai lanciato.

Il modulo della Lockheed Martin dovrebbe contenere tutto l’occorrente per la permanenza di pochi astronauti. Parliamo di reparti per gli esperimenti scientifici e ambienti in cui conservare i sistemi di supporto vitale, di abitacoli per dormire, attrezzi per l’attività fisica e stazioni di lavoro robotizzate. Bill Pratt, program manager della Lockheed, ha parlato di un “camper spaziale“, confortevole ma contenuto nello spazio.

Costo del progetto

La NASA ha già finanziato con sessantacinque milioni di dollari il progetto del Deep Space Gateway. Le pretese dell’agenzia americane riguardano la creazione di un habitat perfetto per gli astronauti, di una camera di equilibrio (airlock), di un modulo di propulsione, uno di attracco e uno di alimentazione.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Inventate nuove tute spaziali per la missione Polaris Dawn

La Lockheed Martin ha studiato un design leggero. Tutto il modulo peserà sessantotto tonnellate in tutto. Per fare un confronto, l’ISS pesa più di quattrocento tonnellate. L’habitat, se tutto va bene, dovrebbe essere completato per la fine del 2022 e lanciato alla fine del 2023.

Previous articleI selfie aiutano l’intelligenza artificiale ad analizzare la personalità!
Next articleSaturimetro | Perché è importantissimo per monitorare il Covid