Visitare la Stazione Spaziale Internazionale con GoogleMaps, oggi si può!

Grazie a GoogleMaps sarà possibile farsi un giro nella Stazione Spaziale Internazionale, proprio come facciamo per ogni luogo della Terra…

Visitare l’ISS con GoogleMaps (GoogleMaps) – curiosauro.it

La Stazione Spaziale Internazionale in modalità street view grazie a GoogleMaps

Da oggi basta un link per andare nello spazio. Il prezioso servizio informatico conosciuto come GoogleMaps ha reso infatti possibile a ogni terrestre provvisto di connessione internet farsi un bel giro panoramico all’interno della Stazione Spaziale Internazionale.

Tutti conosciamo e sfruttiamo GoogleMaps per visitare luoghi noti e ignoti del mondo senza muoverci da casa. Ma di recente la piattaforma ha anche sviluppato una nuova esperienza di “street view” che ci permette di superare l’atmosfera terrestre e di entrare dentro la Stazione Spaziale Internazionale. Proprio come se fossimo degli astronauti in orbita attorno alla Terra!

Basta un click e ci si può muovere a un’altitudine compresa fra trecentotrenta e quattrocentodieci chilometri. Visitare l’ISS non è mai stato così facile. Con la visita virtuale l’utente può muoversi liberamente nella stazione orbitante e scoprire i vari ambienti che la compongono. Google ha infatti corredato la visita con didascalie e interessanti informazioni. Ogni angolo della Stazione Spaziale è svelato con spiegazioni dettagliate e dati istruttivi. C’è la cabina di controllo, lo spazio in cui gli astronauti fanno la colazione, la stanza della ginnastica… tutto. Ogni sezione è aperta e visitabile, senza limiti.

Niente mal d’aria

GoogleMaps ci porta in orbita – curiosauro.it

Sapevate per esempio che l’ISS ha un’intelaiatura che copre oltre cento metri? Niente paura: non soffrire di vertigini e di mal d’aria. Le immagini sono ferme, come succede per le mappe stradali. Quindi anche se la Stazione Spaziale Internazionale si muove a una velocità media di oltre ventisettemila chilometri orari, completando più di quindici orbite al giorno, la vostra visita sarà comoda e stabile.

Il movimento sarà orientato dal mouse o dalla tastiera. Ogni angolo è mappato, per un’esperienza godibile a trecentosessanta gradi.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Anche Blue Origin avrà la sua stazione spaziale orbitante intorno alla Terra

In vista del metaverso e dei visori di realtà aumenta, il servizio di GoogleMaps appare come un grande passo in avanti per la tecnologia. Un’esperienza stellare, potremmo definirla senza temere di risultare troppo retorici. Ebbene, cosa aspettate? Andate su Google e cercate l’ISS. Di certo non troverete traffico. E poi dicono che la vista sia proprio stupenda. Ci fidiamo?

Tramite questo link potrete visitare la stazione sia via smartphone, con l’app di GoogleMaps, che pc. Con il computer la navigazione è molto più coinvolgente: potrete, come spiegato, cliccare su dei punti chiave d’interesse per capire cosa si nasconde all’interno dell’ISS.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Come ti aggiusto la Stazione Spaziale Internazionale | Trucchetti low cost

Presto con i voli spaziali turistici tutti o quasi (almeno i più benestanti) potranno visitare effettivamente lo spazio, raggiungendo la stazione orbitante di persona. Noi poveracci ci accontenterò della app.

Previous articleCambiamenti climatici e pesca: nei prossimi anni le acque più basse si svuoteranno
Next articleUn nuovo satellite italiano COSMO-SkyMed è in orbita!