La svastica nella foresta: il caso che scandalizzò la Germania

Nel 1992 in Germania, nei pressi di Zernikow, qualcuno scoprì una foresta davvero particolare. Dall’alto, si notava un’enorme svastica, disegnata dagli alberi. In pratica, chiome più chiare, cresciute in mezzo a chiome verdi, rivelavano la precisa figura della croce uncinata. Le autorità presero provvedimenti immediati per rimuovere quelle piante. Eppure nessuno ha mai capito come fu possibile dar vita a una svastica “vegetale”.

La strana svastica visibile dall’alto in una foresta tedesca (Getty) – curiosauro.it

La svastica nella foresta

L’infame simbolo era lì da chissà quanto tempo. A scoprirlo per caso fu un architetto tedesco: Günter Reschke. L’architetto stava consultando alcune foto aeree di quella zona per un lavoro paesaggistico. E all’improvviso notò la svastica. Com’era stata creata?

All’apparenza, sembrava composta da larici piantati in ordine in mezzo a dei pini. I larici sembravano proprio messi lì in modo da creare una geometria precisa del simbolo nazista. Durante l’inverno le foglie dei larici prendono il tipico colore rossiccio, e allora la svastica si incendiava, rievocando con sinistra vivacità la croce uncinata che caratterizzava l’ideologia di Adolf Hitler.

Dopo l’abbattimento di quegli alberi, la storia si è interrogata sull’avvenimento. Chi aveva piantato quei larici e perché? Alcuni botanici, studiando le piante abbattute, hanno capito che i larici erano stati piantati negli anni ‘30, probabilmente per volontà di Hitler, come tributo al Terzo Reich. Nessun documento storico però ne testimonia la presenza. E poi come mai nessuno, per sessant’anni, li aveva mai notati?

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Antisemitismo: un problema antico e mai risolto

In realtà, seppur grande, la svastica nella foresta era visibile solamente dall’alto. E i voli privati in Germania rimasero vietati fino alla caduta del muro di Berlino. E poi siamo nell’ex Germania Est, e qui non passavano nemmeno troppi aerei di linea.

Le inchieste della stampa

La foresta in Germania dove fu creata l’inquietante immagine – curiosauro.it

A interessarsi al caso è stata soprattutto la stampa estera. Le inchieste messe in atto dalla stampa nazionale non portarono a una conclusione credibile. Eppure vennero fuori diverse testimonianze interessanti. Un uomo affermò che, da bambino, venne costretto da un guardaboschi a piantare i larici in quell’ordine. Un altro raccontò la storia di un uomo sorpreso ad ascoltare la BBC che fu punito dai nazisti con un ordine un po’ sui generis: doveva piantare quei larici per farsi perdonare. C’è anche chi racconta che si trattasse di un regalo di compleanno per Adolf Hitler.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Albert Einstein | Tutto sul personaggio che ha cambiato il mondo

Ciò che sappiamo è che nel 1995 i poveri larici sono stati abbattuti. Anche se ciò non eliminò il problema. Una foto scattata a fine anni ’90 mostrava che dall’alto la svastica era ancora ben visibile. E allora buona parte della foresta fu disboscata, per eliminare il problema alla radice.

Previous articleI microrganismi marini che vivono a temperature incompatibili con la vita
Next articleUn maglione fatto di capelli: una designer ungherese ricicla gli scarti dei parrucchieri per la moda