Tonga: eruzione vulcanica e tsunami, non si contano i disastri in Perù

Lima, petrolio riversato in mare e danni all’ecologia mondiale dopo il maremoto a Tonga

Tonga: eruzione vulcanica e tsunami, non si contano i disastri in Perù -curiosauro.it 21012022
Tonga: eruzione vulcanica e tsunami, non si contano i disastri in Perù -curiosauro.it

Non si contano i danni di quello che è stato un fenomeno raro a Tonga, stato insulare della Polinesia vicino a due isole disabitate Hunga-Ha’apai e Hunga. Infatti una violenza di tale genere con forte maremoto derivato dall’esplosione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Ha’apai si verificherebbe – per gli esperti – solo ogni 1000 anni. Troppe e tragiche le conseguenze. Una petroliera in Perù – nella città di Lima – ha riversato in mare un quantitativo di greggio pari a 6 mila barili. Il disastro ha interessato la raffineria sita nell’Oceano Pacifico, La Pampilla.

L’oro nero ha contaminato acque cristalline e riserve naturali peruviane

Tonga: eruzione vulcanica e tsunami, non si contano i disastri in Perù -curiosauro.it 21012022
Tonga: eruzione vulcanica e tsunami, non si contano i disastri in Perù -curiosauro.it

Un disastro ambientale inaspettato quello causato dalla lontana esplosione avvenuta a Tonga. A Callao, la zona del porto di Lima, si è completamente in tilt. Lo tsunami di sabato 15 gennaio scorso avrebbe causato la fuoriuscita di petrolio finito direttamente a contaminare le acque marine. Sembra ci sia stato un problema di comunicazione, le autorità non avrebbero diramato il segnale di emergenza in tempo utile da consentire il blocco delle attività della petrolifera. Un possibile atto di negligenza da parte della società spagnola responsabile della raffineria, la Repsol.

Ecatombe di animali e danni all’economia: le misure di contenimento attuate 

Tonga: eruzione vulcanica e tsunami, non si contano i disastri in Perù -curiosauro.it 21012022
Tonga: eruzione vulcanica e tsunami, non si contano i disastri in Perù -curiosauro.it

E’ stata colpita un’area marina di circa 18.000 metri quadrati. Riserve naturali e spiagge dalle acque cristalline sono state travolte da una immensa macchia di viscoso petrolio.

LEGGI ANCHE > Tonga, eruzione vulcanica sottomarina, danni per metà pianeta

Non sono servite a niente gli interventi di contenimenti del greggio attraverso speciali transenne galleggianti. La contaminazione dell’acqua continua indisturbata. Tantissime le specie che si trovano ancora a rischio, un’ecatombe di uccelli e pesci è stata inevitabile.

LEGGI ANCHE > Modi di dire | “Detto”, ecco perché vien detto, tutte le curiosità

Le operazioni di pesca interdette hanno provocato una considerevole perdita all’economia del posto. Quello che sembrava un evento limitato si è rivelato poi una vera e propria opera distruttiva sulla quale è stata aperta un’inchiesta.

Previous articleScoperto nuovo meccanismo per proteggere il DNA: gli scienziati ci credono, è una svolta in campo medico
Next articleIl Covid supera un’altra barriera: trapianto di fegato da positivo a positivo