Ecologia: il cibo a cui rinunciare per salvare il pianeta 

Rinunciare ad alcuni tipi di cibo è possibile? Sicuramente sì, affermano gli esperti, soprattutto se vogliamo salvare il pianeta. L’impatto ambientale di alcuni elementi di cui ci nutriamo, infatti, è molto alto, quindi eliminarli dalla nostra dieta sembra essere l’unica soluzione perseguibile per salvare la Terra.

Carne di manzo: cibo con alto impatto ambientale – curiosauro.it

Il cibo e l’impatto ambientale 

La Terra troverebbe beneficio dall’eliminazione di alcuni cibi dalla nostra dieta, ne sono sicuri i ricercatori americani che hanno pubblicato uno studio a riguardo sull’American Journal of Clinical Nutrition. Il cibo con maggiore impatto ambientale, infatti, andrebbe sostituito con elementi equivalenti ma meno impattanti. Questo sarebbe davvero un giovamento per il nostro pianeta.

Questo studio si basa sulle abitudini alimentari degli americani, quindi non può essere applicato ad altre zone con tradizioni culinarie differenti. La ricerca è geograficamente connotata e analizza una vasta gamma di cibi, confrontandola con quello che in America si mangia più spesso. Una delle domande dell’esperimento fatto dal team di ricerca, riguardava il cibo al quale le persone avrebbero rinunciato più facilmente tra quelli consumati regolarmente. 

Quale, tra i cibi ai quali rinuncerebbe potrebbe davvero portare dei benefici al pianeta?”

Cibo meno impattante per l’ambiente – curiosauro.it

Il cibo più impattante in America

Un alimento che negli Stati Uniti viene consumato regolarmente e che ha un impatto alto a livello ambientale è la carne di manzo. Il 20% delle persone intervistate hanno dichiarato di consumarne una porzione al giorno.

Donald Rose, studioso alla Tulane University di New Orleans, ha calcolato cosa succederebbe se gli americani sostituissero questa dose giornaliera di manzo con una di tacchino, meno impattante dal punto di vista ambientale. I risultati sono stati sorprendenti, e i dati mostrano che:

  1. Ci potrebbe essere una diminuzione fino al 48% delle emissioni causate dalla filiera produttiva della carne manzo, rispetto a quella del tacchino.
  2. Una diminuzione del 30% del consumo dell’acqua.
  3. Le emissioni degli interi Stati Uniti calerebbero del 9,6% e l’uso dell’acqua del 5,9%.

Potrebbe interessarti >>> NOAA | Riscaldamento globale: è stato l’anno più caldo

I cibi con meno impatto ambientale 

Ma con che cosa si potrebbero sostituire i cibi ad alto impatto ambientale? I ricercatori americani ne consigliano alcuni, tra cui sicuramente il tacchino e i gamberi. Lo studio dimostra che certi cibi sono utili per ridurre le emissioni della filiera e per diminuire il consumo di acqua, anche se è ancora difficile poter convincere milioni di persone a cambiare le proprie abitudini alimentari in favore dell’ambiente.

Alcuni esempi: sostituire i gamberi con il merluzzo ridurrebbe le emissioni del 34%, mentre per diminuire il consumo di acqua sarebbe utile sostituire gli asparagi con i piselli. Questo causerebbe un calo del consumo idrico del 48% 

Potrebbe interessarti >>> Rivoluzione – Dispositivi senza batteria: OPPO ci crede

I ricercatori sono consapevoli del fatto che far modificare la dieta delle persone sia difficile, anche perché questo comporterebbe danni economici per molte aziende. Il consiglio che viene dato è quello dei piccoli gesti quotidiani. Un minimo cambiamento ogni giorno può fare la differenza nel lungo periodo, e questo non deve essere né sottovalutato né ridicolizzato. Ne va della vita del nostro pianeta!

Cambiare le abitudini alimentari per salvare il pianeta – curiosauro.it

 

Previous articlePolitica| Presidente della Repubblica: elezioni, diritti e doveri
Next articleLinguaggio| Ecco chi ha pronunciato le prime parole