Ecco la verità sull’inquinamento dell’auto elettrica

L’auto elettrica viene presentata come una possibile e, forse necessaria, soluzione per tenere a bada l’inquinamento. Eppure molti esperti mettono in dubbio questo dogma. Siamo sicuri che l’auto a benzina inquini di più di un’auto elettrica? Quale dei due mezzi, tenendo conto di tutto il contesto (dalla produzione allo smaltimento) impatta di più sull’ambiente?

Auto elettrica: inquina davvero meno di un’auto a benzina? (Pixabay) – curiosauro.it

Auto elettrica: quanto inquina?

Pare lampante che i motori elettrici abbiano, almeno complessivamente, una maggiore efficienza energetica rispetto a quasi tutti i motori a combustione interna. Per via dei limiti imposti al rendimento dal teorema di Carnot, il motore a benzina classico e il motore a gasolio rivelano un’efficienza energetica variabile tra il 25% e 45%, mentre un motore elettrico ha un rendimento generalmente compreso tra 0,77 e 0,93, a seconda della situazione operativa.

Di certo l’auto elettrica non inquina troppo durante il suo uso. Il suo motore è pulito. Eppure i suoi freni e i pneumatici rilasciano polveri e residui nell’aria. Ci sono poi altri fattori da tenere in considerazione. Per calcolare l’inquinamento totale del veicolo è infatti necessario misurare anche la fonte che alimenta le batterie e che fornisce l’energia al motore. E lì sono dolori…

Per quanto riguarda dunque i consumi energetici, le emissioni climalteranti e la generazione di sottoprodotti inquinanti, l’auto elettrica è meno inquinante di una macchina a benzina. I problemi sorgono quando consideriamo il contesto della produzione, a partire dai contributi per l’estrazione e purificazione delle materie prime e per lo sviluppo della componentistica impiegata. Per generare energia elettrica bisogna poi ricordare che si disperde nell’ambiente del CO2, è inevitabile. Uno studio tedesco di qualche anno fa dimostrò che una Tesla Model 3 elettrica emette più C02 di un’auto diesel. E poi sembra che l’auto elettrica sia parecchio inquinante quando finisce in discarica, al momento del trattamento dei sub-componenti.

Il problema delle batterie

Benzina o elettrico, il dilemma degli ambientalisti (Pixabay) – curiosauro.it

In generale, un’auto elettrica permette di ridurre del 20-25% le emissioni rispetto alle auto a benzina e del 10-14% rispetto a quelle diesel. Al di là delle emissioni inquinanti, legate soprattutto ai gas prodotti dai motori a benzina e diesel, c’è però da considerare anche l’inquinamento collegato alla produzione delle batterie e al loro ritrattamento quando esauste. E, per le vetture elettriche, le batteria diventano elementi altamente inquinanti. Diventa allora difficile da sostenere che i veicoli elettrici siano ecosostenibili al 100%.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> La sua Tesla salva il suo bambino: ecco come ha fatto

Paradossalmente, la batteria dell’auto elettronica è molto più inquinante di una batteria di un’auto a benzina. Anche la carica elettrica ha impatto sull’ambiente. L’energia sfruttata è alta, e deve essere prodotta tramite impianti (spesso non rinnovabili). Si stima infatti che meno del 30% dell’energia che occorre per tenere in moto le macchine elettriche derivi da impianti “puliti” (energia solare, eolico, idroelettrico). Tutto il resto arriva da fonti non-rinnovabili (per esempio il carbone, il gas). In più, le batterie elettriche durano molto di meno e vanno cambiate più spesso. Quindi diventano rifiuti molto più fastidiosi per l’ambiente. Tuttavia, la situazione potrebbe cambiare… Nel tempo.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Crisi microchip | Il controsenso dell’auto elettrica

Dobbiamo affidarci al progresso tecnologico. Dobbiamo sperare che con il passare degli anni verranno sicuramente realizzate batterie più performanti, cioè capaci di percorrere più chilometri con la stessa quantità di energia. E poi, magari, la produzione e lo smaltimento di queste batterie di nuova generazione potranno essere risolte con un impatto ambientale molto più ridotto di quanto non sia oggi.

Previous articleEsistono Sistemi Solari come il nostro? Ecco quanti potrebbero avere la vita
Next articleNIKE si butta nel Metaverso: lo shopping si farà così!