Il metaverso arriverà anche su Xbox | Preparatevi a volare

Da quando Mark Zuckerberg ha annunciato l’intenzione di dar vita a una nuova, rivoluzionaria impresa per controllare e aggiornare i servizi social di Facebook, Instagram e WhatsApp, non si fa altro che parlare di Meta. Questo sarà infatti il nuovo nome di Facebook. Si apre dunque un nuovo orizzonte di interazione virtuale. E anche i concorrenti diretti e le altre più grandi società informatiche si preparano a tuffarsi nel metaverso.

Meta. Una parolina che sembra già esserci venuta un po’ a noia, per quanto è stata ripetuta e considerata finora. Ma siamo ancora all’inizio… Dopo Facebook, anche Microsoft si prepara a tuffarsi nel metaverso. Soprattutto per quanto riguarda il settore videoludico, ossia la Xbox. Il CEO Satya Nadella, infatti, ha già affermato che qualcosa sarà fatto soprattutto per i videogiochi.

Tuffarsi nel metaverso su Xbox

Tuffarsi nel metaverso in 3D - curiosauro.it
Tuffarsi nel metaverso in 3D – curiosauro.it

Meta contaminerà di certo il mondo del gaming. Anzi, lo ha già fatto: Satya Nadella ha affermato che la Xbox è già dentro il metaverso! Il videogame Halo, per esempio, è puro metaverso, ossia coinvolgente esperienza di realtà virtuale. Anche Minecraft è un metaverso. Il punto è portare queste esperienze a due dimensioni al livello più intenso del 3D. Rendere ancora più realistica e pervasiva l’esperienza di gioco.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Dalla Cina 2 supercomputer quantistici che non hanno rivali

A quanto pare la Microsoft ha già avviato dei progetti in tal senso. E resta soltanto da capire in che modo potranno essere realizzati. La suggestione promossa da Zuckerberg ha ispirato tutto il mondo informatico. Ci prepariamo dunque a una nuova, affascinante fase di sviluppo e rifondazione della realtà virtuale, soprattutto grazie ai videogiochi.

Ma che cos’è il metaverso?

Metaverso e realtà virtuale - curiosauro.it
Metaverso e realtà virtuale – curiosauro.it

Il concetto di metaverso è stato introdotto ufficialmente da uno scrittore a inizio anni ’90. In effetti, Neal Stephenson nel suo libro di fantascienza Snow Crash, pubblicato 1992, descriveva una potentissima e avviluppante realtà virtuale condivisa tramite internet. Un non-luogo dove le individualità si rappresentavano in tre dimensioni tramite avatar.

L’idea era già stata sfruttata in precedenza. E come spesso accade la realtà tecnica prende spunto dalla fantascienza. Un testo in particolare, Neuromancer (Neuromante, 1984), primo volume della Trilogia dello Sprawl, a opera di William Gibson, può essere considerato come un’anticipazione assai convincente del metaverso, sempre sotto forma di universo declinato come cyberspazio.

Gibson immaginò uno spazio virtuale simile a un’allucinazione condivisa che prende il posto della realtà. Una piattaforma infinita, dove individui e corporation interagiscono attraverso informazioni digitali.

La cover del romanzo Snow Crash, dove viene anticipato il concetto di metaverso – curiosauro.it

Il fatto che quest’anno Facebook abbia assunto diecimila persone solo in Europa per sviluppare il metaverso ci pone già di fronte a una nuova declinazione del concetto, assai più concreta e pervasiva. Di sicuro lontana dagli scialbi esempi già prodotti da internet (come SecondLife).

Addirittura, Facebook è pronta a cambiare nome, per il metaverso. Il 28 ottobre 2021 l’azienda con sede a Menlo Park ha preso il nome di Meta, e nulla sarà come prima. O almeno è questo ciò che si attende…

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Ricaricare l’auto elettrica in soli quattro minuti? Ora si può!

Intanto Microsoft non sta con le mani in mano. L’azienda di Albuquerque ha avviato progetti nuovi per la Xbox e ha già sviluppato Mesh, ovvero una nuova piattaforma collaborativa per esperienze virtuali.

Dopo la pandemia e il successo di app come Zoom, Microsoft ha pensato a un programma per rendere le riunioni ancora più interattive. Mesh è appunto una piattaforma per organizzare riunioni e videochiamate, adatta sia al lavoro che al gaming, dove ogni partecipante potrà muoversi attraverso avatar animati, in realtà mista. L’obiettivo è di collegare il programma alla dimensione del metaverso con visori per la realtà aumentata.

Previous articleLa nuova generazione di batterie dipenderà sempre più dagli alberi
Next articleLa nuova ITA Airways ha scelto un colore patriottico per i propri aerei