Ecco perché quest’anno dovremo mettere della stagnola sui termosifoni: se ti dico quanto risparmi non ci credi

Volete risparmiare sulla bolletta del gas? Allora dovrete necessariamente mettere della stagnola sui termosifoni. Il risparmio sarà garantito, parola di esperti!

La maggior parte degli italiani trema al pensiero delle prossime bollette del gas. Se il governo e l’Europa, infatti, non metteranno un tetto al prezzo dell’energia, diverse famiglie e aziende non riusciranno a pagarle.

Termosifone
Fonte_usa.hudsonreed

Esistono comunque dei metodi validi per cercare di risparmiare almeno un po’: uno di questi è sicuramente quello di mettere della carta stagnola sui termosifoni.

Termosifoni che consumano meno

La stagione fredda ormai è alle porte e le temperature, si sa, sono destinate ad abbassarsi. Tutti noi ci prepariamo ad accendere anche i termosifoni, ma come fare per risparmiare un po’ sulle bollette? La carta stagnola può essere un valido aiuto.

Carta stagnola
Fonte_pixabay

La cosa da evitare è la dispersione eccessiva del calore dai termosifoni e per far questo, dicono gli esperti, l’utilizzo della carta stagnola per proteggerli sembra essere l’ideale. Questa andrà posizionata tra la parete e i radiatori, in modo tale da impedire che i muri assorbano parte del calore. Non è indispensabile metterla su tutti i termosifoni: si consiglia di farlo solo in quelli che si trovano a ridosso di balconi o finestre.

La carta stagnola posizionata lungo tutta la superfice posteriore dei radiatori aiuterà a trattenere il calore tra le mura domestiche. Anche i pannelli di polistirolo possono svolgere la stessa funzione, e anch’essi andranno messi tra le mura e il termosifone. Entrambi i metodi sono comunque molto efficaci e hanno un costo bassissimo. Un altro modo per evitare la dispersione del calore, è anche quello di utilizzare degli appositi pannelli termoriflettenti. Il loro funzionamento è simile a quello della carta stagnola: posti tra i termosifoni e la parete, infatti, riflettono il calore all’interno dell’appartamento evitando che i muri disperdano il calore all’esterno.

Il pannello termoriflettente è sufficientemente rigido, ma allo stesso tempo flessibile, per poter essere imballato in rotoli di varia larghezza e lunghezza. Dal rotolo si può tagliare con un cutter o con delle forbici un pezzo necessario ad ogni singolo termosifone, nelle misure adeguate. Il loro spessore standard va dai 3 agli 8 mm. I rimedi per evitare la dispersione di calore ci sono, a voi ora scegliere quello che vi piace di più. Gli esperti garantiscono un risparmio sulle bollette a cui farete fatica a credere!

Previous articleElenoire Ferruzzi, dalla più amata alla più odiata è un attimo: tutta colpa del GF Vip?
Next articleCapelli biondi e schariti senza tinta: è possibile, ma solo se usi questo prodotto magico