Incredibile | Passato, presente e futuro accadono contemporaneamente

Nella vita di tutti i giorni non misuriamo mai il tempo. Il motivo è che il tempo inteso come un ticchettare cosmico indipendente e continuo non esiste. Newton stesso afferma che il vero tempo “t” non è misurabile. Quindi ci dobbiamo veramente chiedere cosa sia e se esista davvero un concetto temporale che ci fa ricordare un passato, vivere un presente e sperare in un futuro?

Il concetto di tempo nasconde, inoltre, un’altra insidia: possiamo andare avanti e indietro di un metro, possiamo aggiungere o togliere un chilo da un carico, ma non possiamo andare e venire nel tempo. Che questo concetto sia davvero solo un’illusione?

Il tempo non esiste – curiosauro.it

Passato, presente e futuro accadono in contemporanea 

Lo affermano anche le leggi della fisica: non c’è nulla che indichi che il tempo deve muoversi in qualsiasi direzione conosciamo. Questo potrebbe, infatti, spostarsi avanti e indietro. In effetti, alcuni teorici del Big Bang affermano che il tempo comincerà a scorrere all’indietro quando l’universo smetterà di espandersi e inizierà a contrarsi. Per questo motivo, alcuni fisici sono giunti alla conclusione che il tempo sia solo un costrutto umano, una mera illusione che ci siamo creati nella testa!

Il fisico del MIT Max Tegmark ha fornito un esempio di come possiamo considerare la realtà che ci circonda:

Possiamo immaginare la nostra realtà sia come un luogo tridimensionale in cui qualcosa accade nel tempo, sia come un luogo quadridimensionale in cui non accade nulla (il cosiddetto universo a blocchi), e se questo è davvero il secondo, allora il cambiamento è un’illusione, perché nulla cambia. Tutto è proprio lì allo stesso tempo: passato, presente, futuro“.

Il tempo non esiste – curiosauro.it

L’universo a blocchi dove nulla cambia 

La teoria dell’universo a blocchi descrive il momento presente come un luogo arbitrario nel tempo, affermando che il passato, il futuro e il presente esistono tutti contemporaneamente. Più o meno allo stesso modo in cui la posizione corrente non esclude l’esistenza di altre posizioni, la teoria dell’universo a blocchi afferma che essere nel presente non significa che il passato e il futuro non stiano attualmente avvenendo. In questo universo, quindi, il tempo e lo spazio sarebbero collegati nel conosciuto spazio-tempo.

La teoria proposta dagli scienziati, rafforzata da quella sulla relatività di Albert Einstein, afferma che lo spazio e il tempo fanno parte di una struttura quadridimensionale, dove tutto ciò che è accaduto ha le sue coordinate nello spazio-tempo. Il fisico e filosofo britannico, Julian Barbour, è un convinto sostenitore di questa tesi e nel 1999 pubblicò proprio un libro, La fine del tempo, nel quale, sostenne l’illusorietà del tempo. Secondo lui, esisterebbero solo gli Adesso, che sarebbero delle configurazioni di materia istantanee del nostro universo e di altri possibili universi, raccolte in uno spazio delle configurazioni che egli definisce Platonia

Un’illusione temporale

Barbour sostiene che questi Adesso sono configurazioni che conservano registrazioni di eventi passati (capsule temporali), come gli Adesso in cui noi viviamo, in cui reperti storici e ricordi ci permettono di ricostruire l’esistenza di un passato che in realtà è meramente illusorio. 

In ogni momento pensiamo che il passato sia già passato, e il futuro non esista ancora, e che tutto stia cambiando. Ma tutto quello che ho sempre conosciuto è lo stato del mio cervello in questo momento. L’unico motivo per cui sento di avere un passato è perché il mio cervello contiene ricordi“.

Per il fisico/filosofo ciò che percepiamo come passato è solo un’illusione formata nel nostro cervello, perché in realtà il tempo non esistea e il presente è creato secondo perfette regole matematiche. Le teorie del fisico inglese infatti si pongono al confine tra fisica e filosofia, e aprono squarci sui misteri dell’universo. Ma sarà davvero come dice lui?

Julian Barbour, fisico e filosofo britannico – curiosauro.it
Previous articleDue astronomi della Specola Vaticana rivoluzionano la nostra comprensione dell’Universo primordiale
Next articleLa usiamo tutti i giorni ma non immagini come è stata inventata