Posizioni yoga da praticare anche seduti per calmare il mal di schiena

Lo stile di vita contemporaneo ci infiacchisce e poi ci spezza. Soprattutto la schiena! Siamo tutti, o quasi, afflitti da mal di schiena e dolori articolari. Fondamentalmente perché stiamo seduti davanti a uno schermo per ore e ore… Dicono che lo yoga sia un toccasana per risolvere tali disagi. Ma come e quando praticarlo se non si ha tempo?

Oggi cercheremo di illustrarvi alcune semplici posizioni yoga da eseguire da seduti. Perfette per chi passa molte ore buttato su una scrivania, in ufficio o a casa.

Mal di schiena e stress mentale. Lo yoga da ufficio può essere una soluzione (Pixabay) – curiosauro.it

Ecco le posizioni yoga da sperimentare da seduti… pure in ufficio

Chi svolge un lavoro sedentario è costretto a passare tante ore seduto davanti a un pc. E la schiena ne soffre tantissimo. Anche i muscoli si intorpidiscono. Le articolazioni scricchiolano e la mente inizia a perdere colpi… Lo yoga è una buona strategia per allievare la sofferenza fisica e risolvere il disagio psichico.

Esistono infatti delle semplicissime posizioni yoga da eseguire da seduti, che possono rilassarci e favorire il benessere del nostro corpo. Ma è necessario che questi esercizi vengano eseguiti in modo corretto. Con cura e la giusta lentezza. Bisogna anche badare alla respirazione. È importante inspirare con il naso ed espirare con la bocca, sempre in tutta calma, con movimenti controllati e profondi.

La saggezza indiana contro il mal di schiena

Una disciplina spirituale o una pratica fisica? Che cos’è lo yoga? (Pixabay) – curiosauro.it

Lo yoga è una pratica fisica, mentale e spirituale che ha avuto origine in India in antichità. I suoi insegnamenti mirano a controllare e calmare la mente e a rendere il corpo più forte e felice. Funziona anche da seduti!

Potreste provare, per esempio la posizione dell’altare. Si tratta di ispirare e sollevare le braccia, con le dita incrociate e i palmi delle mani rivolti verso l’alto. A questo punto piegatevi a sinistra e mantenete la posizione per il tempo di cinque o sei respiri profondi. Poi, piegatevi dall’altro lato.

Quindi c’è la posizione del muso di vacca. Bisogna portare il braccio sinistro dietro la schiena. Poi il braccio destro dietro la testa. Entrambi vanno flessi, in modo che le mani si avvicinino lentamente, e che le dita possano incrociarsi. La posizione va mantenuta sempre per cinque respiri. Fatto ciò, bisogna cambiare la posizione delle braccia.

Molto utile è anche il twist. Questa posizione yoga prevede una rotazione del busto a sinistra (sempre da seduti), mantenendo le gambe dritte e utilizzando la mano sinistra appoggiata allo schienale della sedia per aiutare la torsione.

Esistono tante posizioni da yoga da ufficio. L’obiettivo è quello di rilassare il corpo, ma non solo. Si tratta anche di staccarsi per qualche minuto dallo schermo. Già quello fa tanto!

Previous articleCarne fatta di orzo | La nuova frontiera dell’alimentazione
Next articleCome purificarsi con erbe e resine | Anche da un punto di vista scientifico