Il Covid supera un’altra barriera: trapianto di fegato da positivo a positivo

A Torino si riaccende la speranza, dopo il trapianto da positivo a negativo, quello tra due pazienti con il virus

Il Covid trapianto di fegato da positivo a positivo - curiosauro.it 21012022
Il Covid trapianto di fegato da positivo a positivo – curiosauro.it

Nonostante la pandemia in corso, le terapie intensive piene, i contagi in aumento e le varianti del Covid imperanti, la medicina non smette di sorprendere. Il miracolo è avvenuto a Torino per mano dell’équipe di Renato Romagnoli dell’ospedale Molinette. Un intervento durato ben sette ore in una sala operatoria messa in massima sicurezza per tutelare gli operatori contro l’infezione da Covid. Questo perché i due protagonisti dell’operazione erano positivi.

Buone notizie, la pandemia non impedirebbe di effettuare trapianti salva-vita in presenza di Covid

Il Covid trapianto di fegato da positivo a positivo - curiosauro.it 21012022
Il Covid trapianto di fegato da positivo a positivo – curiosauro.it

Il protocollo sino ad ora è stato chiaro, infatti era possibile effettuare un trapianto in presenza di Covid solo tra donatore positivo e ricevente triplo vaccinato negativo al virus. Questa volta non è stato così. Il ricevente del fegato era affetto da Covid, nonostante le tre dosi di vaccino, ma è riuscito comunque ad ottenere un fegato nuovo. Il paziente era affetto da cirrosi epatica grave – per sua natura irreversibile – con aggiunta una neoplasia epatica primitiva. Il 56enne è riuscito a superare l’intervento salvavita anche essendo asintomatico e positivo al Covid, riaccendendo le speranze…

Il paziente ricevente sembra non essere in pericolo di vita ed è stato già estubato

Il Covid trapianto di fegato da positivo a positivo - curiosauro.it 21012022
Il Covid trapianto di fegato da positivo a positivo – curiosauro.it

Un intervento particolarmente difficile che ha messo a dura prova il team di specialisti delle Molinette di Torino.

LEGGI ANCHE > Modi di dire | “Detto”, ecco perché vien detto, tutte le curiosità

Oltre alla delicatezza dell’operazione, si sono aggiunti tutti i presidi di emergenza limitare a zero le possibilità di contagio tra gli operatori della sala operatoria del Centro Trapianti di fegato della Città della Salute e della Scienza di Torino. Il ricevente del trapianto di fegato è stato già estubato e l’operazione sembra essere ben riuscita, grazie ad una buona risposta della funzione epatica.

LEGGI ANCHE > Scoperta una Super Luna più grande della Terra che non dovrebbe trovarsi lì

Il trapiantato positivo ha ricevuto – in via precauzionale anti-SARS-CoV-2- una dose di anticorpi monoclonali. Al momento il 56enne si troverebbe in normale decorso post-operatorio.

Previous articleTonga: eruzione vulcanica e tsunami, non si contano i disastri in Perù
Next articleDisastro ecologico in Perù per colpa dello tsunami