La ketamina può soffocare le tendenze suicide e la depressione

Alcuni ricercatori stanno sperimentando l’uso terapeutico di ketamina per contrastare le tendenze suicide e le depressioni gravi. Ma davvero questa droga dalla così brutta fama può trasformarsi in una cura?

La ketamina soffoca tendenze suicide (Getty) – curiosauro.it

Ketamina per alleviare i pensieri suicidi

La ketamina è nata come anagesico veterinario. Si tratta di un composto appartenente alla classe delle arilcicloesilammine, ed è dunque una sostanza catalettica sintetica nata come farmaco analgesico-dissociativo per l’induzione dell’anestesia. Alla fine degli anni ’90 si è diffusa come droga ricreativa, prima nei club americani ed europei di musica techno e poi in strada. A oggi viene considerata una delle droghe più pericolose in commercio per la sua azione istantanea e totalmente dissociativa. L’effetto analgesico e anestetico deriva dalla sua attività di blocco del recettore NMDA.

Eppure la neurologia, almeno sottobanco, continua a studiare questa sostanza come trattamento per combattere la depressione e alleviare la pressione dei pensieri suicidi.

La terapia a base di ketamina potrebbe, secondo alcuni ricercatori, portare a rapidi e positivi effetti a breve termine sulla riduzione dei sintomi della depressione grave e delle tendenze suicide. Questa opinione emerge anche da un nuovo studio, pubblicato sul British Journal of Psychiatry Open, condotto da specialisti dell’Università di Exeter.

Ketamina come farmaco, la ricerca va avanti

La ketamina produce un’azione catalettica e anestetica dissociativa: ha effetti calmanti sul sistema talamo-corticale e attivanti sul sistema limbico e la formazione reticolare  – curiosauro.it

Questi ricercatori hanno valutato per alcuni mesi l’efficacia di un trattamento a base di ketamina contro la depressione grave e la depressione associata a bipolarismo. La ricerca, guidata da Merve Mollaahmetoglu, rivela l’evidenza di benefici della terapia già dopo una singola somministrazione. E pare che ogni singolo trattamento conduca a effetti incoraggianti che durano fino a due settimane.

La ketamina somministrata è ovviamente un prodotto medico, che ha poco a che fare con la droga che circola attraverso i canali dello spaccio. Ciononostante gli autori precisano che sarà necessario approfondire le ricerche e aspettare risultati più strutturati prima di capire se la sostanza può essere convertita in farmaco efficace.

Se davvero, come spiegato nella ricerca, poche dosi di ketamina possono ridurre i pensieri suicidi già da quattro ore dopo il trattamento, siamo di fronte a dei risultati iniziali molto importanti nella lotta alla depressione grave e alle manie suicide.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> La meditazione trascendentale cambia il nostro pensiero

Il lavoro suggerisce quindi che la ketamina (in micro dosi) può essere utile nel fornire un rapido sollievo nelle forme più tenaci e violente di depressione. E attraverso questo sollievo potrebbe essere possibile per i medici sottoporre i pazienti a terapie più mirate.

La storia medica della sostanza

Non dobbiamo dimenticare che la ketamina è nata appunto come analgesico in ambito medico. I suoi effetti calmanti sono quindi riconosciuti da tutta la letteratura scientifica. Ciò che spaventa è la potenza del principio attivo, poco gestibile.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> La tristezza del Natale: perché accade?

Putroppo, però, non ci sono state mai troppe ricerche in ambito neurologico e psichiatrico, forse per via della brutta fama della sostanza. Ma se la ketamina ha effetti positivi nel trattamento di alcuni disturbi psichiatrici, perché non usarla?

Previous articleSenza il Cristianesimo, quale religione avrebbe avuto futuro nel mondo? Non immagini!
Next articleI criceti reggono l’alcol molto meglio degli uomini: ecco perché!