Nel corso della nostra vita incontreremo diversi tipi di persone.

Vi saranno quelli che ci aiuteranno a divenire delle persone migliori, grazie ai loro consigli e alla loro positività, e quelli che invece ci arrecheranno sofferenza a causa della loro insicurezza e ignoranza.

Il pensiero di questi ultimi è il trovarsi in una posizione di supremazia nei confronti dell’altro e quindi esercitano una sorta di autorità pensando anche di essere dalla parte della ragione. Quando si vuole umiliare qualcuno, si sta attentando contro se stessi, perché in realtà non c’è nulla che ci rende migliore degli altri, siamo essenzialmente tutti uguali, solo le capacità e le potenzialità possono variare. Cercare di oscurare le virtù degli altri esaltandone i difetti, umiliare il prossimo, non è altro che bisogno di accettare se stessi.

Mettere gli altri in una situazione di svantaggio, sminuirne il valore, approfittare della nostra forza e qualsiasi altra azione che possa svalutare una persona, non è altro che un gesto miserabile. Esporre le debolezze altrui non ti rende certo più forte.

A volte ci si dimentica del fatto che la vita restituisce tutto, tutto è causa ed effetto e quello che facciamo oggi, sarà ciò che raccoglieremo domani.