Avere una problematica della tiroide può rendere molto più difficile perdere peso e può provocare altri problemi. Ci si può anche sentire depressi, avere ritenzione di liquidi e pelle secca.

Se siete preoccupati per la salute della tiroide, è necessario sapere quali alimenti possono influenzare negativamente la sua funzione.

Glutine

Il glutine è un forte attivatore di malattia autoimmune in persone geneticamente suscettibili. Il glutine provoca una grande quantità di infiammazione nel corpo, e in alcune persone può causare problematiche autoimmuni. La rimozione del glutine dalla dieta dovrebbe contribuire a migliorare la salute della tiroide e può anche contribuire a ridurre il rischio di sviluppare un’altra malattia autoimmune.

Latticini

Prodotti lattiero-caseari possono creare infiammazione nel corpo. Molte persone trovano che i prodotti lattiero-caseari siano difficili da digerire e sono una causa comune di sindrome del colon irritabile, gonfiore e reflusso. La caseina, proteina dei latticini, in molte persone peggiora la malattia autoimmune tanto quanto il glutine.

Grandi quantità di verdure crude

Verdure come cavoli, broccoli, cavolfiori, cavoli, cavolini di Bruxelles e altri si possono mangiare ma il consumo è da limitare. Questi vegetali contengono sostanze chiamate goitrogeni, composti che possono inibire l’assorbimento di iodio dalla tiroide. Lo iodio è un componente critico nella produzione di ormoni tiroidei. Se non si dispone di iodio sufficiente nella vostra dieta, non si sarà in grado di produrre abbastanza ormoni tiroidei.

Oli di semi industriali

Olio vegetale come olio di mais, di girasole, di cartamo, soia, cotone, colza, vinacciolo e olio di riso sono tutti molto ricchi di grassi polinsaturi. Il processo di estrazione (usando il calore e solventi chimici) fa sì che i grassi polinsaturi escano danneggiati e ossidati. Cucinare con questi oli, che sono stati danneggiati nel processo di estrazione crea una grande quantità di infiammazione nel corpo. I grassi sani da includere nella dieta includono l’olio extravergine d’oliva, olio di noce di macadamia, olio di avocado, frutta a guscio e semi, olio di pesce, avocado, olio di cocco e ghee.

 Soia

Ci sono molte buone ragioni per evitare la soia nella vostra dieta. La maggior parte della soia nel mondo ora arriva da semi geneticamente modificati (OGM). La soia è molto difficile da digerire, quindi, anche supponendo che i fagioli di soia contengono una discreta quantità di proteine sulla carta, si assorbe molto poco di quella proteina a causa degli inibitori dell’enzima di semi di soia. Le lectine della soia causano irritazioni alla mucosa intestinale e peggiorano la sindrome di permeabilità intestinale nelle persone con malattie autoimmuni. La soia è anche una fonte di goitrogeni che inibiscono l’assorbimento di iodio