Avete mai sentito parlare della ”paralisi di notte”? Si tratta di una sensazione poco gradevole, che ci fa sentire impotenti, poiché si è pienamente coscienti ma incapaci di governare i muscoli del nostro corpo. Di solito avviene quando si è nella classica fase REM (Rapid Eye Movement), poco dopo che ci siamo addormentati. Lì il nostro corpo si rilassa e la mente diventa meno cosciente. Quando sopraggiunge la paralisi, la nostra mente rimane cosciente, mentre il nostro corpo è in uno stato di rilassamento involontario. E tutto ciò viene intuito dalla persona che non è quindi più capace padroneggiare il proprio corpo, vivendo uno stato di panico misto a terrore.

Le persone più soggette a questo tipo di paralisi, sono quelle affette da disturbi mentali, come la depressione e l’ansia, o persone che hanno semplicemente problemi di salute. Questi sono i fattori che rendono le persone predisposte a questo tipo di disturbi:

Problemi del sonno o narcolessia; mancanza di sonno; condizioni mentali, come il disturbo bipolare o stress; abuso di sostanze; frequenti cambiamenti di orari relegati al sonno; alcuni farmaci, come quelli con ADHD; dormire sulla schiena.

Per evitare di incappare nella famosa paralisi del sonno rivolgetevi ad un medico specializzato che saprà sicuramente indicarvi come fare.