rosmarino

Il rosmarino rappresenta un’erba aromatica di facile reperibilità, che siamo abituati ad impiegare principalmente in cucina. Ma sono molti altri i suoi utilizzi, e tutti caratterizzati da un benefico effetto, a seconda dell’uso. Difatti è dotato di alcune proprietà stimolanti e non soltanto di un gradevole odore o di un sapore distintivo. Ingerire del rosmarino può contribuire in particolare a contrastare l’affaticamento sia mentale che fisico e può essere un vero e proprio toccasana per il nostro organismo. Per quanto riguarda la digestione, l’assunzione del rosmarino regola il funzionamento di fegato e cistifellea. E poi è in grado di mitigare i dolori muscolari, quelli dovuti ai reumatismi ed anche l’asma, grazie alle sue proprietà analgesiche. I

l rosmarino poi è molto utile per la conservazione della tonicità della nostra pelle, per arginare l’effetto nocivo dei batteri e di microbi in caso di infezioni di qualsiasi entità ed anche psicologicamente il suo bell’odore intenso può aiutare nel contrastare la depressione e l’ansia. Ritornando all’efficacia dal punto di vista fisico, è molto utile anche per tenere attivo ed efficace il tratto urinario, visto che favorisce la diuresi, e poi calma gli spasmi e stimola l’appetito. Possiamo assumerlo in diversi modi: come pianta, la forma più comune, come olio essenziale, creme epidermiche, capsule e tinture madri. Ci sono però delle controindicazioni, rappresentate dalla capacità che il rosmarino ha di alterare dei valori in caso di gravidanze od epilessia. I medici ne sconsigliano l’uso anche nel periodo immediatamente precedente un intervento chirurgico. Per il resto sa essere un valido alleato.