Quando si ha 13 anni, come nel caso del ragazzino in questione, la cosa che si vuole più di tutte è diventare grandi il prima possibile.

Cameron Simmons, 13 anni, ha composto il numero della polizia e dall’altra parte del telefono vi era l’agente Gaetano Acerra che, dopo la chiamata del ragazzino, si avviato verso la sua abitazione.

Una volta sul posto, l’agente di polizia si è seduto sugli scalini di casa insieme al ragazzino, il quale gli ha detto di volersene andare di casa perché la madre lo aveva sgridato.

L’agente Acerra, però, ha sentito che qualcosa non andava e così ha chiesto al ragazzino di fargi vedere la sua stanza. Una volta dentro l’agente di polizia ha visto che la casa era praticamente vuota, con solo un divano dove Cameron poteva dormire la notte.

Dopo aver ascoltato l’incredibile storia del ragazzino, che gli ha raccontato dei problemi economici della sua famiglia, l’agente Acerra ha deciso di dare una mano al ragazzino e a tutta la famiglia.

Insieme al fratello Ferdinando, Gaetano è riuscito a trovare una scrivania, un letto, alcune sedie, una TV e una console per far giocare Cameron.

Un grande plauso ad un brav’uomo prima ancora che ad un bravo poliziotto.