Mangiare poco, mangiare bene. Ma sapete una cosa? Spesso il problema non è tanto cosa mangiamo o quanto mangiamo, bensì QUANDO. Già, vi sembrerà strano, ma ci sono alcuni cibi che è meglio assumerli in un dato momento della giornata piuttosto che un altro, per ragioni specifiche.

Ad esempio: sapevate che la cioccolata fondente è da evitare il pomeriggio o la sera ma è un toccasana se mangiata per colazione? Dà energia ed è ricca di antiossidanti! La carne, invece, va consumata durante il pranzo: il ferro ivi contenuto riduce la fatica e potenzia il sistema immunitario.

La sera invece è sconsigliata, in quanto ha una digestione più elaborata ed è complicata da smaltire. Idem la frutta secca: noci, nocciole, arachidi, pistacchi, anacardi, sono sempre da tenere presenti in una buona dieta. Almeno 30 grammi al giorno, a colazione o a ora di pranzo, per tenere alta la pressione sanguigna. Sconsigliate invece per cena visto l’alto contenuto calorico.

A sorpresa fra i cibi che possono essere consumati a cena c’è la pasta: ottima sia a pranzo che a cena, anche se i carboidrati complessi è meglio consumarli la mattina.

Di sera consigliatissime le zucchine, perché aiutano a stimolare la pulizia dell’intestino, contribuendo a smaltire scorie e tossine. E avete mai provato le patate a colazione? Sono ideali per abbassare i livelli di colesterolo e sono ricche di minerali molto importanti per il nostro organismo.