DORMIRE IN UNA STANZA FREDDA E’ UN TOCCASANA PER LA NOSTRA SALUTE.

Anche se molti potrebbero pensare il contrario dormire in una stanza fredda può portare molti benefici al nostro corpo, tra questi: un minore rischio di diabete, un aspetto più giovane e un sonno più tranquillo. La temperatura ideale si trova tra i 15 e i 19 gradi.

La temperatura dell’ambiente in cui dormiamo la notte è più importante di quanto possiate pensare. Durante il periodo estivo bisogna fare attenzione al vento e a dormire con la finestra aperta, ma anche d’inverno la regolazione dei termosifoni può fare un’enorme differenza per la nostra salute.
Secondo gli esperti, la temperatura ottimale per la notte è tra i 15 e i 19 gradi. Una condizione termica sicuramente non amata dai più freddolosi, i quali rischiano di doversi sotterrare sotto strati di coperte prima di sentirsi a proprio agio. Eppure, in questo modo, il nostro corpo rimane in forma.

In primo luogo dormendo in una stanza “fredda” diminuiamo il rischio di problemi legati al metabolismo, tra cui il diabete. In questi casi l’ambiente più freddo favorisce la produzione di grasso marrone – o grasso “buono” – raddoppiandola rispetto al normale. Inoltre, dormire al freddo permette di bruciare più calorie durante il giorno. Questi due elementi aiutano a ridurre i rischio di diabete ed altre malattie metaboliche.
Un altro vantaggio del freddo è che sembrerete più giovani. Tenere la stanza sopra i 19 gradi, infatti, impedisce al corpo di raffreddarsi naturalmente attraverso il sonno e la melatonina.