pulire i materassi

Quanto lavi il materasso? e soprattutto come? , devi sapere che i materassi sporchi sono il luogo ideale per i batteri e gli acari, che si uniranno a polvere, residui di cibo e cellule morte.

 pulisci i tuoi materassi un paio di volte all’anno: ecco come

  • Togli tutto e metti le lenzuola a lavare: usa la temperatura più alta possibile, a seconda delle indicazioni per la cura del tipo di tessuto, così da uccidere acari e batteri.
  • Aspira la polvere: se hai un vaporizzatore, puoi usarlo prima per uccidere gli acari sulla superficie e, poi, con un aspirapolvere rimuovi la polvere dalla parte superiore e dai lati del materasso.
  • Elimina le macchie con un cucchiaio di detersivo per piatti e due di acqua ossigenata (perossido di idrogeno) otterrai la “formula magica”.  Applicala con un cucchiaio e poi, con un vecchio spazzolino da denti, strofina sopra la macchia. Quindi, rimuovi il prodotto in eccesso con un panno umido. Vedrai che la maggior parte delle macchie di cibi, bevande e sporcizia in generale spariranno.

Niente cattivi odori.

Ci sono varie alternative, a seconda dell’intensità degli odori o della frequenza delle pulizie.

  • Bicarbonato di sodio. Spolveralo generosamente su tutta la superficie e lascialo agire almeno per mezz’ora (meglio ancora per più tempo) e poi aspiralo. Non solo eliminerà i cattivi odori, ma anche gli acidi, e assorbirà i liquidi rimasti del detersivo applicato precedentemente.
  • Bicarbonato di sodio + oli essenziali. Apri le tende per far entrare la luce del sole e lascia che il materasso si asciughi dai liquidi applicati rimasti all’interno per evitare la formazione di muffe.

Altri consigli per l’igiene dei tuoi materassi

  • Gira il materasso ogni tre/sei mesi. Questo farà sì che i due lati si usurino in modo uniforme e che il materasso si conservi meglio. Non solo devi girarlo, ma spostarlo orizzontalmente così che il lato dove si è soliti dormire non rimanga troppo sprofondato.
  • Usa un protettore per materassi.
  • Usa federe in plastica