Mar Morto pesci vita

Il Mar Morto – FOTO: Wikipedia

Il Mar Morto è così chiamato in quanto non conterrebbe alcuna forma di vita. Si tratta in realtà di un lago di grosse dimensioni e dall’elevato tasso di salinità, tale per l’appunto da valergli l’appellativo di ‘mare’. Ed è situato nel Vicino Oriente, tra Giordania, Israele e Cisgiordania.

Nelle sue acque non sono mai state osservati pesci o simili, ma adesso giunge notizia che un fotoreporter israeliano, tale Noam Bedein, sarebbe invece riuscito ad individuarne alcune. Bedein avrebbe mostrato anche alcuni scatti a riprova della sua scoperta.

Gli scienziati ritengono che si tratti di qualcosa di impossibile, dato che il livello di sale pari al 37% fa si che il Mar Morto abbia un livello di salinità superiore di addirittura dieci volte a quello degli oceani. Questo avviene in principal luogo per l’elevato tasso di evaporazione delle sue acque.

Le uniche forme di vita esistenti dovrebbero essere soltanto alcuni tipi di batteri. Ma Bedein avrebbe invece scovato, in quello che è ritenuto il punto più basso sulla terraferma (il Mar Morto raggiunge una profondità di 400 metri, più di ogni lago, fiume o specchio d’acqua al mondo) dei pesci ed una vegetazione particolari, che trarrebbero origine da pochi, radi punti di acqua dolce.

Qualcuno ha preso per assolutamente certa la notizia – la quale andrebbe invece opportunamente verificata – e l’ha intesa come l’imminente avvicinarsi della fine del mondo. Infatti proprio di questo parlava il profeta Ezechiele in una sua profezia raccontata nel libro della Genesi.

Qui si parla di una valle desolata che corrisponderebbe con l’attuale posizione del Mar Morto. Un tempo tutto era lussureggiante e popolato, poi con la distruzione di Sodoma e Gomorra l’area ha assunto la conformazione attuale. E con il manifestarsi improvviso della vita, dovrebbe arrivare anche l’apocalisse. Voi ci credete?