Il costo di questa eccellenza italiana, il Parmigiano Reggiano, da oggi costerà il 25% in più, pesando sulle tasche degli acquirenti.

Parmigiano Reggiano: da oggi costerà il 25 % in più

Parmigiano Reggiano: da oggi costerà il 25 % in più

Il parmigiano Reggiano, non è l’unico prodotto che aumenterà da oggi, ma insieme a lui si prevede anche il gorgonzola, ed il pecorino.

Il rincaro andrà ad influire sulle tasche dei consumatori finali, che utilizzano queste eccellenze alimentari italiane.

L’aumento del costo

Il motivo dell’aumento del costo di alcuni prodotti alimentari come il Parmigiano Reggiano o il Pecorino, sono a causa dei dazi imposti dall’amministrazione di Donald Trump.

Altri paesi della Comunità Europea che saranno colpiti da questi aumenti sono la Germania, la Francia,  e la Spagna.

Tra le altre eccellenze alimentari italiane dovrebbero essere escluse dagli aumenti, l’olio di oliva ed il prosecco, ma l’elenco completo dei prodotti non è ancora stato diffuso dal Ufficio del Rappresentante del Commercio Usa.

LEGGI ANCHE —> NAIKE RIVELLI COMPLETAMENTE NUDA CON MAMMA ORNELLA MUTI-FOTO

Sul Pil dell Italia, l’effetto dovrebbe aggirarsi intorno allo 0,05 %.

Nel corso dell’anno appena terminato, il valore delle esportazioni per quanto riguarda i formaggi duri è stata di 220 milioni di euro.

La percentuale di aumento delle tariffe doganali sul Parmigiano Reggiano passeranno da un 15 % al 40 % ossia dagli attuali 2.15 dollari ai 6 dollari circa.

Il costo per chi acquisterà il Parmigiano Reggiano  passerà dagli attuali 40 dollari al chilogrammo ad oltre 45.

LEGGI ANCHE —> MERCEDESZ HENGER BOLLENTE: SDRAIATA SU LUCAS PERACCHI CON LATO B IN VISTA

Non rientrano nel aumento dei dazi doganali americani alcuni prodotti come il Consorzio San Daniele o quello della Mozzarella di Bufala Campana.

Chi deciderà di continuare ad acquistare queste eccellenze alimentari italiane, e non solo, vedrà un bel rincaro nel suo portafoglio.

Ma la stessa cosa potrebbe succedere a chi esporta queste eccellenze alimentari, quindi i produttori, nel nostro caso italiani, che tengono alta la nostra bandiera negli Stati Uniti.