Mhari e il marito Paul hanno avuto una notizia terribile alla ventesima settimana di gravidanza. I dottori dissero che non avrebbe potuto portarla a termine e avrebbe dovuto prepararsi per l’aborto. Ma Mhari non voleva dare ascolto ai medici, decise di rischiare e tenere il bambino ad ogni costo.

Jett Morris nasce a sole 25 settimane dopo aver sopravvissuto 5 settimane nella pancia della madre dopo che si erano rotte le acque. Pesa solo 700 grammi.

Dopo la nascita Jett ha soffre di malattie ai polmoni croniche e ha due buchi nel cuore.

Ma Jett recupera dalle malattie mentre i suoi organi si sviluppano. 3 settimane dopo il parto viene dimesso e torna a casa con la famiglia.

Quando i dottori hanno suggerito l’aborto, Mhari non poteva credere che avessero tirato i remi in barca così presto. “Quando mi si sono rotte le acque a 20 settimane non lo vedevano ancora come un bambino, ma solo come un feto. Ero devastata”

“Nessuno venne a parlarmi di altre possibili opzioni, mi dissero che l’unica soluzione era terminare la gravidanza”

“Capisco che i dottori ti debbano far presente lo scenario peggiore ma non hanno neanche dato una chance a Jett. Così con mio marito abbiamo deciso di cercare un’altra soluzione, fuori da quell’ospedale”

“Sono stata fortunata, ma sono anche  preoccupata che altre madri possano subire un aborto quando loro figlio avrebbe potuto vivere”