Nell’arco di un’intera vita solamente di tre persone veramente ci innamoriamo, ognuna associata ad una fase.  Vediamole nel dettaglio:

Primo amore: quello giovanile

Sembra di vivere in una favola, in una romantica storia di principi e principesse. Il sogno che diventa realtà, ma dura però solo un breve periodo semplicemente perché quando si è immersi in questa fase non ci si rende conto, si è inesperti. Conta più il modo in cui viene visto dalle altre persone che quello che si prova veramente.

Secondo amore: la conoscenza del proprio carattere

Qui inizia a farsi dura, la relazione diventa più stabile, ma si conosce meglio se stessi, si approfondisce il proprio carattere e possiamo capire cosa veramente si vuole dell’amore. Questo provoca dolore e rabbia, e anche in questo caso c’è la necessità di imparare. Si alternano momenti di euforia a quelli di ira.

Terzo amore: quello che arriva senza avvisarti

La terza ed ultima fase è quella nella quale ci si entra quando probabilmente nemmeno si sapeva che ci si potesse entrare. Completamente differente rispetto ai primi due, non richiede riflessioni, rende felici, le cose accadono con semplicità e spontaneità, ma il fatto di non avere aspettative permette di essere spensierati. Potrebbe volerci una vita per capirlo, o forse anche pochi anni.