I controlli dei NAS e degli ispettori dell’ASL hanno portato alla luce mense sporche e in cui le norme igenico-sanitarie non vengono rispettate.

mense sporche

Foto dal web

Le mense scolastiche italiane non sono sicure come dovrebbero. Questo è quello che è emerso da alcuni controlli dei Carabinieri del NAS.

Gli ispettori dell’Azienda USL Toscana Nord Ovest e i NAS di Livorno hanno eseguito un controllo nella zona cottura di una mensa. La cucina si occupava di preparare i pasti per nove istituti scolastici dislocati nella provincia di Pisa.

Mense sporche e con presenza di blatte: è emerso da un controllo dei NAS

Quello che hanno rilevato è deprimente e fa rivoltare lo stomaco: materiale non pertinente l’attività e assenza di una difesa contro gli agenti infestanti – nel centro cottura sono state rilevate infatti blatte morte all’interno di una trappola. A causa di questa evidente assenza di un’adeguata condizione-igienico sanitaria, i NAS e gli ufficiali hanno denunciato il presidente del centro all’Autorità Sanitaria ed Amministrativa. Il servizio scolastico della mensa sarà sospeso, su ordine dell’ USL Toscana Nord Ovest, finché non saranno riscontrate le adeguate condizioni igienico-sanitarie all’interno del centro raccolta.

Sempre in Toscana, i NAS di Firenze hanno richiesto all’Azienda USL Toscana Sud-Est di emettere la sospensione della preparazione per “diete speciali” presso il centro cottura di una mensa scolastica.
Durante l’ispezione, i carabinieri hanno rilevato il mancato rispetto delle procedure HACCP sulla preparazione di questi pasti, che erano eseguiti contemporaneamente a quelli tradizionali con il rischio di contaminazione; mancanza dell’indicazione degli allergeni presenti nei cibi, guarnizioni dei frigoriferi danneggiate e poco pulite e tracce di ruggine sugli scaffali.

Potrebbero interessarti anche questi nostri articoli:

LEGGI ANCHE —> “Copriti o ti uccido”: gli inquietanti messaggi prima di uccidere la moglie

LEGGI ANCHE —> La Corona Inglese sotto inchiesta: richiesto test del Dna per la Regina

Teresa Franco