Meningite: una malattia che fa paura. La notizia del decesso della giovane studentessa fa riflettere. Ma quali sono le cause, i sintomi e come si previene?

Meningite

Meningite, una malattia che fa paura. Da sempre. E puntualmente, ogni volta che se ne sente parlare per un caso di decesso, si scatenano paure e fobie. L’ultimo caso della giovane studentessa di Bergamo ha creato nuovamente allarmismi. E non solo sul territorio lombardo, zona dove la 19enne ha perso la vita. Su tutto il territorio nazionale alla diffusione della notizia si scatenano ansie che generano i soliti quesiti. Cos’è la meningite? Quali le cause e i sintomi che inducono all’allerta? E soprattutto, come si previene?

Bisogna partire dall’inizio e capire cos’è la malattia tra le più temute dalla popolazione. Si tratta di una infiammazione acuta delle meningi, che sono le membrane di contorno che avvolgono midollo spinale e cervello. La malattia ha origine infettiva. Può essere causata da funghi, batteri o virus. Capito cos’è e le cause, andiamo ad analizzare il resto. Ossia l’aspetto che più tiene in ansia le persone. Prevenzione e sintomi.

–> Leggi anche Pasta italiana contiene metallo: scatta l’allerta in tutta Europa!

Vi sono due forme di malattia. Quella batterica è meno diffusa ma più grave. La virale più comune e meno grave

Meningite

La malattia è classificata in due forme. Quella batterica è meno diffusa ma più grave. La virale più comune e meno grave. La prima forma può portare anche alla morte o a conseguenze gravi. I virus che generano la meningite batterica sono vari. I sintomi che potrebbero portare all’allarme sono in primo luogo febbre alta e mal di testa. Poi irrigidimento della parte posteriore del collo, nausea e vomito. Da non trascurare anche altri sintomi come sonnolenza e convulsioni.

–> Leggi anche Orche avvistate al largo del porto di Prà. Si tratta di evento eccezionale

Fenomeni che singolarmente presi e per durate non lunghe in ogni caso non devono portare a psicosi o allarmismi. Come del resto accade ogni qualvolta si sente parlare di un caso simile. Le precauzioni. Come facilmente intuibile l’arma migliore per prevenire la forma più grave della malattia, quella batterica, è quella del vaccino. Esistono da tempo in commercio efficaci vaccini che si possono somministrare a tutte le età.