mamma morta gesù
Tina, la mamma morta e poi risvegliatasi – FOTO: Facebook

Una mamma morta per quasi mezzora: Tina non era più tra noi, poi l’improvviso risveglio ed un messaggio scritto al volo: “È reale”.

Sta suscitando grande stupore la vicenda della mamma morta clinicamente per 27 minuti e che poi ha riaperto gli occhi. Tina Hines, originaria dell’Arizona, negli Stati Uniti, ha vissuto questa incredibile esperienza extrasensoriale dalla quale si è poi risvegliata chiedendo subito di avere un foglio ed una penna una volta ‘tornata’ in vita.

Seppur parlando a malapena, chi era con lei accanto al suo letto di ospedale è riuscito a comprenderla. La mamma morta e poi ‘risorta’ ha scritto “It’s real”, ‘è reale’. E dice di avere avuto una visione diretta di quello che è il Paradiso. Il tutto sarebbe avvenuto dopo che il suo cuore si è fermato per colpa di un arresto cardiaco.

Appena sveglia ha riportato queste parole, accennando con un dito al cielo, per far capire meglio cosa ha potuto vedere. Il fatto è accaduto nello scorso mese di febbraio, con Tina che si trovava assieme a suo marito Brian. I due erano usciti per una escursione, quando è accaduto il grave incidente alla donna.

Mamma morta, la sua pazzesca esperienza extrasensoriale

Tina, che è madre di 4 figli, non dava più alcun cenno di vita. I paramedici giunti sul posto per ben sei volte le hanno praticato le manovre urgenti di rianimazione, poi l’hanno subito tratta in ospedale. Era morta, per 27 lunghissimi istanti è stata tale.

Poi però si è risvegliata, e ha raccontato di aver visto un luogo “con dei colori vibranti, che non esistono in terra. E ho distinto una figura che penso fosse Gesù, in piedi davanti a cancelli neri ed illuminato da una intensa luce splendente”. Madie Johnson, la nipote di Tina, crede fermamente alla zia, al punto che si è fatta tatuare il messaggio che quest’ultima ha scritto al suo risveglio.

Ed il suo post con tanto di foto della scritta ‘It’s real’ impressa sul polso ha ottenuto i ‘mi piace’ di oltre 24mila persone. “Zia mi ha trasferito una fede ed una speranza che spesso mancano nella quotidianità di tutti i giorni. Mi ha dato una tangibilità per l’eternità non troppo lontana”.

Il post di sua nipote Madie

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

(sharing because this story is too cool not to share) A little over a year ago my Aunt Tina, one of the most amazing, discerning, and healthy people I know had an unexpected cardiac arrest and according to doctors had died and was brought back to life four times by my Uncle Brian and first responders before arriving to the hospital. She was put on a defibrillator and after miraculously waking up the first thing she did, unable to speak because she was intubated, was ask for a pen and in my cousins journal wrote “it’s real”. The people in the room asked “what’s real?” and she responded by pointing up to heaven with tears in her eyes. Her story is too real not to share and has given me a stronger confidence in a faith that so often goes unseen. It has given me a tangibleness to an eternal hope that is not too far away. I love you @_tinahines! The way you boldly love Jesus and others has changed the way I hope to live and love❤️

Un post condiviso da Madie Johnson (@madiejohnson) in data: