Dopo aver ricevuto centinaia di critiche dalle persone che conoscevano la sua abitudine, Alicia Barber ha deciso di svelare la verità. È una mamma di 27 anni e ogni due volte a settimana lava il suo bambino con la candeggina.

Un atteggiamento che ha scatenato la rabbia di tantissime persone che hanno deciso di insultarla e criticarla senza conoscere la storia che si cela dietro questo metodo. Alicia infatti lava suo figlio con la candeggina per salvargli la vita. Jamison, suo figlio, è il suo terzo bambino e, purtroppo, è nato con una malattia molto rara, chiamata ittiosi Arlecchino.

LEGGI ANCHE —> Torino: bambino nasce con una malattia incurabile, i genitori lo abbandonano

LEGGI ANCHE —> Laura Pausini in ospedale a Bologna :Mi scendono le lacrime per il dolore..;

Si tratta di una grave disfunzione congenita della pelle, che perde di elasticità, impedisce i movimenti, impedisce di respirare e causa ferite e gravi infezioni. Anche occhi, labbra e orecchie, possono presentare delle malformazioni, a causa della disfunzione dell’epidermide. Ancora ad oggi, non esiste una cura precisa e il neonato rischia la vita ogni giorno.

La donna è obbligata a fare il bagno a Jamison con la candeggina, è l’unico modo per impedire che si possano formare gravi infezioni che porterebbero alla sua morte.

Un’atroce sofferenza ad ogni lavaggio perché spesso la candeggina va negli occhi e nella bocca. Per alleviare il suo dolore, la sua mamma gli somministra anche della morfina, perché poi deve strofinare il suo corpo con la carta vetrata, per eliminare l’eccesso di pelle. Il piccolo ha raggiunto un anno di età, mentre di solito i neonati affetti dall’ittiosi Arlecchino, non vivono più di due giorni. Alicia ha diffuso la sua storia e le sue immagini, perché è stufa di essere giudicata.

Proprio in questi giorni si torna a parlare di questa terribile malattia (Ittiosi Arlecchino) per il caso del piccolo Giovannino  il bambino nato lo scorso Agosto  nell’ospedale Sant’Anna di Torino, al quale una volta nato gli è stata diagnosticata la malattia incurabile, Giovannino è stato abbandonato dai propri genitori e ancora non ha trovato una famiglia che si prenda cura di lui e lo porti finalmente a casa.