La donna ha lasciato la bambina di 2 anni in macchina per andare al bar con il riscaldamento accesso e la piccola muore dopo 5 ore.

bambina di 2 anni lasciata in macchina per 5 ore muore

La piccola è stata lasciata in macchina per 5 ore con il riscaldamento acceso, mentre la madre andava al bar

La piccola bambina, di 2 anni , si chiamava June Love, e la madre l’ha lasciata in macchina per 5 ore con il riscaldamento acceso, ed è morta.

La madre, ha lasciato la piccola, in auto da sola per andare al bar a bere con una amica, in una sera d’estate, e la temperatura esterna era di circa 20 gradi, ma ha lasciato anche il riscaldamento acceso.

Quando la donna è ritornata in macchina dopo 5 ore, che saranno state lunghissime per la piccola bambina, a trovato June Love  ricoperta di ustioni e dal suo stesso vomito.

La piccolina aveva perso i sensi per il forte caldo che aveva sentito, la donna ha provato a chiamare i soccorsi.

LEGGI ANCHE —>LE PERSONE CHE ARROSSISCONO SONO PIU’ AFFIDABILI E GENEROSE

La donna ha cercato di  rianimare la bambina gettandole dell’acqua fresca in volto, ma non è servito a nulla.

Una volta arrivati i soccorsi, è stata portata in ospedale, ma era già in arresto cardiaco, e con ustioni sul viso, sulle braccia e sul torace.

La triste vicenda è accaduta in California, e secondo quanto riporta il giornale Daily Mail, la donna aveva un passato di dipendenza da droghe, ed un altro figlio è già stato affidato agli assistenti sociali.

LEGGI ANCHE —> GLI UOMINI PIU’ INSICURI TRA I SEGNI ZODIACALI

Sulla piccola June Love, è stata richiesta l’autopsia ed ulteriori accertamenti medici, per scoprire cosa sia accaduto, e le indagini sono in corso.

La donna alle domande degli agenti, in un primo momento aveva dichiarato di essersi allontanata solamente per pochi minuti, mentre andava a chiamare la babysitter.

Ma una volta, che le domande sono diventate più incalzanti da parte dei poliziotti, la donna ha ammesso di aver lasciato la bambina in macchina , verso le 23.30, per andare a bere degli alcolici con un amica.

Ha anche ammesso di aver acceso il riscaldamento, e di aver messo una copertina per evitare che la bambina prendesse freddo, ma una volta che  si è avvicinata alla macchina erano le 5 del mattina, ha fatto la tragica scoperta.