Nonostante l’industrializzazione controllata, l’uomo non sa controllare la salvaguardia del pianeta e soprattutto non sa dosare il suo desiderio di espandersi sul suolo terrestre.
La bellezza naturale di Norilsk è stata devastata dall’industrializzazione selvaggia e anche dal campo di lavoro sovietico costruito nel 1935.

Le montagne erano un vanto per i cittadini di Norilsk, ma adesso sono diventate il più grande deposito di nickel del pianeta.

https://youtu.be/Ztni4SdGogI