L’ipertensione endocrina è quella particolare condizione in cui l’eccessiva pressione arteriosa è determinata da una produzione troppo elevata di ormoni nelle ghiandole endocrine.

Tra le cause più frequenti di ipertensione endocrina troviamo l’iperaldosteronismo primario seguita subito dopo da una secrezione eccessiva del cortisolo e di catecolamine. Inoltre è bene ricordare che anche problemi come l’ipotiroidismo e l’iperdiroidismo possono essere la causa scatenante di questa situazione.

I sintomi principali sono sicuramente: cefalea, quando è dovuta da un’eccessiva secrezione di adrenalina e noradrenalina, pallore in volto, aumento del battito cardiaco e ansia generalizzata.

Quando invece alla base c’è un problema di cortisolo solitamente i sintomi sono: obesità, nota come sindrome di Cushing, eccessiva crescita di peli, problemi di acne e ciclo mestruale irregolare.

Per diagnosticare tempestivamente questa problematica vi sono diversi modi: TAC, la risonanza magnetica nucleare, il dosaggio dell’aldosterone plasmatico, le analisi del sangue finalizzate a inquadrare il dosaggio del TSH, ossia l’ormone tireostimolante.