Quest’anno l’influenza è già arrivata: vediamo come difenderci. 

influenza picco massimo

L’influenza si fa sentire anche quest’anno (websource/archivio)

L’influenza di solito inizia ad arrivare nel nostro Paese ad ottobre mentre invece è già dagli ultimi giorni di settembre che è arrivata. C’è stato un primo caso nella città di Parma con una ragazzina di 6 anni che ha presentato i classici sintomi dell’influenza come mal di gola e febbre.

Dall’università Federico II di Napoli Maria Triassi ha fatto sapere che influenza di quest’anno colpirà circa 6 milioni di italiani ma non saranno solo questi a essere messi a letto dal virus autunnali e invernali. Infatti di più saranno gli italiani che verranno colpiti da virus para-influenzali, circa 8 milioni. Come facciamo allora a difenderci?

Dal 15 ottobre sarà possibile ad esempio nella regione Lazio vaccinarsi contro il virus influenzale e il servizio sarà offerto gratuitamente a i pazienti che hanno particolari patologie, donne incinte anziani e a tutti coloro che lavorano nella sanità e in luoghi di pubblica sicurezza. La vaccinazione è importante non solo in questi soggetti ma è importante per gli altri: infatti si sono verificati ben 15 decessi lo scorso anno per delle complicazioni seguite proprio  all’influenza.

I virus influenzali colpiscono l’apparato respiratorio e appartengono al genere Orthomixovirus con tre tipologie diverse, A, B e C.

Influenza: come difenderci dal virus

A e B sono i responsabili della classica influenza autunnale/invernale, il terzo procura invece un’infezione asintomatica. Quello su cui si può agire sono i sintomi quindi vengono somministrati antinfiammatori per ridurre dolori muscolari e alle articolazioni e il mal di testa, oppure dei farmaci per abbassare la febbre. Esistono gli antivirali ma vengono su somministrati soltanto se si possono presentare delle complicazioni e hanno effetto entro le prime 48 ore dalla manifestazione dei primi sintomi correlati a l’influenza.

Se proprio la influenza ci ha colpito il modo migliore per riprendersi è riposarsi e bere molta acqua e introdurre alimenti ricchi di vitamine e sali minerali per garantire l’idratazione. Quindi sono consigliati soprattutto frutta e verdura contenenti vitamina C, come kiwi, arance ma anche per peperoni e pomodori, che sono utili anche per prevenire l’influenza. 

Potrebbe interessarti anche: Oli minerali trovati in 16 tipi di parmigiano reggiano da test di laboratorio

T.F.