La Turchi accusa la Siria, si stanno verificando casi di bambini feriti con napalm e fosforo, con scene agghiaccianti, specialmente nella zona di Ras al-Ain.

Guerra in Siria: bambini feriti con napalm e fosforo

Guerra in Siria: ” bambini feriti con napalm e fosforo”

Le autorità curde che si trovano al Nordest della Siria accusano la Turchia di utilizzare armi proibite al naplam e fosforo, accusa che Ankara rigetta.

L’accusa è stata fatta nell’ottavo giorno di guerra turca, specialmente nella zona di Ras al-Ain.

Armi proibite

Le accuse mosse ad Erdogan sono quelle di utilizzare armi proibite, e vietate, contenenti napalm e fosforo.

Il ministro della Difesa, Hulusi Akar, ha prontamente risposto, che non hanno a loro disposizione questo tipo di armi, e che tutti sanno essere vietate.

Ha anche risposto, che sono i curdi ad utilizzarle e cercano di infangare loro.

LEGGI ANCHE —> TUMORE AL SENO: LA PREVENZIONE PARTE DA UNO STILE DI VITA ADEGUATO

Il portavoce dell’esercito siriano ha fatto un invito alle organizzazioni mondiali di andare a controllare la situazione e di controllare le ferite riportate, da chi è stato colpito.

Mustefa Bali ha anche fatto presente, che negli ospedali nella zona nord della Siria non si hanno le conoscenze per giuste per questo tipo di ferite che vengono riportate.

L’osservatorio Siriano ha dichiarato di non poter confermare l’utilizzo di armi contenenti napalm o fosforo, ma ha confermato un aumento di ferite per ustioni.

L’osservatorio ha sede nel Regno Unito, ma diverse sedi su territorio.

LEGGI ANCHE —> ELENA SANTARELLI ” NON DOVEVO MOSTRARMI COSì FORTE”

Alcuni funzionari curdi hanno pubblicato un video dove si vedono dei bambini con delle ustioni ed un medico della provincia di Hasakeh  afferma che sono compatibili con quelle di armi vietate.

Dalla nord est della Siria si richiede un passaggio umanitario per far evacuare i civili dalla città, dopo che anche un ospedale è stato colpito, e sono morti sia il personale al lavoro che i civili ricoverati.