Giovane morta di meningite: si tratta di una studentessa di 19 anni di Bergamo che si era sentita male nella giornata di ieri

Giovane morta di meningite

Giovane morta di meningite, una notizia tragica che ha sconvolto l’Italia dal momento della diffusione. Si tratta di una studentessa di 19 anni di Villongo (Bergamo) che nella giornata di ieri si era sentita male. Si trovava, al momento del malore, all’Università di Brescia. Sgomento e incredulità tra familiari ed amici. I soccorsi, seppur tempestivi, sono stati vani in quando la ragazza è deceduta nella giornata di oggi. La causa è una meningite fulminante. Una malattia di cui si sa ancora poco e che purtroppo miete vittime anche di giovane età.

Si apprende che, al momento del malore la ragazza è stata accompagnata da un suo amico al pronto soccorso degli Spedali Civili di Brescia. I medici l’hanno ricoverata per febbre alta e le sue condizioni sono apparse già gravi all’arrivo in ospedale. Purtroppo poi si è aggravata nel corso della notte ed è morta stamattina. Anche se la causa sembra accertata e chiara, per prassi domani la Procura ha disposto l’autopsia.

–> Leggi anche Milly Carlucci, la confessione sui programmi televisivi: “Sono bulimica”

La Regione Lombardia avvia la profilassi antibiotica ma rassicura che non vi è nessun allarme

Giovane morta di meningite

Come accade in questi casi tragici, la Regione Lombardia ha attivato la profilassi antibiotica nei confronti dei familiari. Ma anche verso una novantina di studenti dell’Università Cattolica di Brescia e di alcune persone venute a contatto con la deceduta. In ogni caso si tratta di proceduta che viene disposta automaticamente e a scopo precauzionale. Infatti, allo stesso tempo, si fa sapere che non esiste nessun allarme.

E’ l’assessore al Welfare Giulio Gallera che fa sapere che la meningite non è trasmessa con il semplice contatto. Espresso il cordoglio alla famiglia della giovane anche da parte del presidente della Regione Attilio Fontana. E proprio per evitare che ci possano essere degli allarmismi si portano avanti scrupolosamente tutte le procedure del caso. Nonostante ci siano state le rassicurazioni sull’impossibilità di ulteriori trasmissioni. Nella giornata di domani si tenterà di far luce sul ceppo di riferimento.

–> Leggi anche Pasta italiana contiene metallo: scatta l’allerta in tutta Europa!