tobradex farmaco ritirato
Farmaco ritirato, si tratta del TobraDex, un collirio usato per lenire le infiammazioni agli occhi – FOTO: archivio

Gli enti predisposti hanno diffuso una nota urgente nella quale informano i consumatori di aver presto provvedimenti riguardo ad un farmaco ritirato dal mercato.

Il Ministero della Salute e l’AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, danno una importante comunicazione. In questa nota ufficiale congiunta si parla del ritiro di un medicinale da tutte le farmacie presenti sul suolo nazionale. Il prodotto in questione è il TobraDex, ovvero un collirio.

Ed il motivo, come chiaramente specificato, riguarda una serie di errori di stampa presenti nel bugiardino. Si tratta del foglietto illustrativo che per legge accompagna ogni farmaco, di qualsiasi tipologia, e che fornisce le informazioni utili e quelle necessarie da conoscere per una corretta, sicura ed efficace somministrazione.

Non è la prima volta che si presenta una situazione del genere. Ed anche in passato le azioni e le contromisure prese dagli enti preposti sono state le medesime.

LEGGI ANCHE –> Intolleranza al glutine, i sintomi più diffusi per riconoscerla

Tobradex, il farmaco ritirato: qual è il lotto interessato

Il TobraDex, essendo un collirio, viene spesso consigliato per curare e lenire le infiammazioni oculari. Ad essere stato ritirato dal commercio è stato uno specifico lotto di questo prodotto. Come specificato è il “TOBRA DEX 0,3% + 0,1% collirio sospensione, lotto 7LPR1B” con data di scadenza fissata al mese di ottobre del 2019. AIC 043319019 prodotto dalla ditta NEW PHARMASHOP SRL”.

Di questa vicenda ne ha parlato anche lo Sportello dei Diritti, ente che è volto a tutelare la persona dei consumatori. Tale soggetto informa tutti che il provvedimento di ritiro del lotto contestato dal mercato è avvenuto previa applicazione della legge all’art. 70 D. L.vo 219/2006. Cosa della quale la ditta produttrice è stata informata e per la quale si è comportata di conseguenza.

LEGGI ANCHE –> Farmaci, i 5 che andrebbero evitati in assoluto: “Causano pericolosi effetti collaterali”